Mi rigioco la finale! #PlaySubbuteo #Subbuteo

Trattasi della finale della Coppa dei Campioni 1982, Aston Villa contro Bayern Monaco. Come scritto in uno degli ultimi post, vinsero gli inglesi per 1-0, gol di Withe al 67mo.

Gioco ancora una volta 6vs6 alla SubbuteoBlog Arena. L’Aston Villa su miniature e basi Zeugo, il Bayern di Monaco su miniature e basi Superfooty.

Villains vs Baggies #PlaySubbuteo #Subbuteo

La partita di oggi alla SubbuteoBlog Arena (made in Gareth Christie & FlickFORKicks) del Subbuteo Club Nido dei Rapaci. Ref. 74 vs Ref. 3. 1-1 il risultato finale.

Circa il soprannome Baggies vi riporto quanto scrive Wikipedia:

L’origine del soprannome è incerta, anche se quasi sicuramente venne utilizzato la prima volta durante le prime gare casalinghe a The Hawthorns. Una delle teorie suggerisce che il termine derivi dai larghi pantaloni (baggy trousers) che i lavoratori delle fonderie locali indossavano per proteggersi dal ferro fuso. Lo stemma rappresenta un tordo (throstle, nel linguaggio del Black Country) su un ramo di biancospino (hawthorn) con uno sfondo a strisce verticali blu e bianche; da questo deriva Throstles l’altro soprannome di giocatori e tifosi, che esultano con il caratteristico “boing boing” saltellando up and down sul posto.

Il WBA ha tra i suoi trofei il campionato inglese del 1920.

Assai più titolati i Villains. Sette Campionati, sette Coppe di Inghilterra, una Coppa dei campioni, una Supercoppa UEFA.

Villains vincitori della Coppa cei Campioni 1981/1982. Bayern Monaco battuto in finale per 1-0 a Rotterdam. Gol di Peter Withe al 67′

Il nickname Villans deriva dal nome della società e indicava gli appartenenti al Villa Club, appunto i Villans. Altri soprannomi: The Lions, dal leone nello stemma e The Claret&Blue Army dai colori sociali.

Spal vs West Ham #PlaySubbuteo #Subbuteo

Al Sante Ancherami Stadium, di scena Spal e West Ham, entrambe con la maglia tradizionale. Stile ref. 3 la Spal e stile ref. 7 gli Hammers.

3-1 il risultato finale a favore degli Hammers, nonostante un ottima partita della Spal, che ha colpito per tre volte i legni della porta avversaria e avrebbe senz’altro meritato il pari.

Avellino vs Como 1980/1981 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Prima quelli veri…

La formazione della prima giornata, senza il brasiliano Juary, schierata da Vinicio: Tacconi, Massini, Giovannone, Beruatto, Cattaneo, Di Somma, Massa, Criscimanni, Ugolotti, Vignola, De Ponti. 

Una formazione del Como di quell’anno: Vecchi, Vierchowod, Riva, Centi, Fontolan, Volpi, Mancini, Lombardi, Nicoletti, Gobbo, De Falco. L’allenatore era Marchioro.

Le partite di quell’anno si giocarono all’andata al Partenio (vittoria dell’Avellino per 2-1) ed al ritorno al Sinigaglia (vittoria del Como per 2-0).

Poi le mie repliche Zeugo sul campo del Subbuteo Club Nido dei Rapaci (più portierini Topspin e palla originale Subbuteo).

Il derby dell’Arena #PlaySubbuteo #Subbuteo

Derby dell’Arena oggi al Sante Ancherani Stadium – Extreme Arena, del Subbuteo Club Nido dei Rapaci (via Portuense 743, casa mia!).

Chievo ed Hellas si sono affrontati in un derby pieno di fascino, un trionfo del gialloblu. Gialla pure la pallina. Moglie e figlia che mi prendevano in giro quando qualcuno segnava o prendeva un palo ed io mi facevo la telecronaca da solo!

Terzo tempo a base di Pandoro e di Amarone. Ma quelli me li sono goduti io…

Per la cronaca, 2-0 per il Chievo sull’Hellas. Mentre ieri il Bologna ha battuto il Celtic per 3-2.

Bologna vs Celtic #PlaySubbuteo #Subbuteo

Una partita di altri tempi, oggi al Sante Ancherani Stadium – Extreme Arena, del Subbuteo Club Nido dei Rapaci (via Portuense 743, casa mia!). Visto che il Centro Sportivo in Miniatura è chiuso per “cause di forza maggiore” mi tocca tornare al “Solo Subbuteo”.

Miniature Zeugo a base piatta. Palina Tango originale Subbuteo.

In campo il Bologna, “lo squadrone che tremare il mondo fa”, ed il Celtic di Glasgow, i Lisbon Lions! Negli anni Sessanta avrebbe potuto essere la finale di Coppa dei Campioni!

Due maglie storiche e molto belle, pur se manca il mio adorato celeste…

Fiume contro Pola al Nido dei Rapaci #PlaySubbuteo #Subbuteo

AGGIORNAMENTO: Per gli interessati, è finita 4-3 per Pola!

Avevo in programma un torneo apposito per le squadre giuliano dalmate che hanno realizzato per me gli amici di Mortara, ma con questi “chiari di luna” chissà quando potrò farlo. Allora oggi mi gioco in solitario il “Memorial Olindo Bon” facendo affrontare due delle squadre della sua giovinezza: l’Unione Sportiva Fiumana (1926), di Fiume ed il Gruppo Sportivo Fascio Giovanni Grion (1918) di Pola.

Per chi si fosse perso i post dedicati, Mastro Miniatore Stevchenko, Scatoliere Colonel, materiali (basi, inner, miniature) Topspin di Alberto Vignati.

Sempre di Topspin è il campo in cotone, di Zeugo le porte, di Extremeworks il tavolo. Le foto, purtroppo per voi, le ho scattate io…

Il giocatore solitario… riepilogo degli ultimi giorni #PlaySubbuteo #Subbuteo

VIGILI DEL FUOCO ROMA – VIGILI DEL FUOCO PALERMO 1-1
(Zeugo HW – Soccer3D Astrobase)

REAL MURCIA – CAP CIUDAD DE MURCIA 3-1
(entrambe Soccer3D Astrobase)

HAMILTON – BARNET 1-0
(entrambe Subbuteo HW)

HAMILTON – EAST FIFE 1-3
(entrambe Subbuteo HW)

VERONA – GENOA 2-O
(entrambe Zeugo)

FERMANA – SAMBENEDETTESE 2-3
(entrambe Zeugo)

Campo: EXTREME ARENA
Club: SUBBUTEO CLUB NIDO DEI RAPACI

Dalla mia collezione, cose antiche e cose nuove #PlaySubbuteo #Subbuteo

Ref. 20 – Hamilton Academicals

Replica HW, con inner marchiato Subbuteo, realizzata da Astrobase. Oltre agli scozzesi dell’Hamilton ci si può rendere i biancorossi nostrani della Rondinella Marzocco, che hanno usato questo kit nel 1947 (oggi sono nella prima categoria toscana e vestono come una ref. 9) ed i calabresi del Rende (che usano i pantaloncini sia di colore bianco che rosso).

Ref. 35 – Barnet Football Club e Vitesse (Holland)

Replica HW, con inner marchiato Subbuteo, realizzata da Astrobase. Oltre alle squadre, due, elencate dal catalogo Subbuteo 1973/1974, ci si possono rendere moltissime squadre che trovate facilmente su questo blog, sia nel post dedicato direttamente alla ref., che nella pagina “Il mio catalogo”.

Voglio segnalarvi però oggi, tra le squadre storiche italiane, L’Internazionale Torino ed il Torino FBC. Inoltre il Kent Athletic F.C. della città inglese di Luton.

Ref. 179 – Hellas Verona

La ref. 323 del catalogo Zeugo corrisponde alla ref. 179 del catalogo Subbuteo che rimanda alla squadra inglese dell’Halifax Town. Qui aggiungerei le italiane Brescello , Carrarese, Trento, Viterbese, le inglesi Wimbledon e Wootton Basset Town (Hellenic League, vicino la città di Swindon) ed anche (non so perchè mi “pigliano”) due squadre delle isole Aaland (che prima di questo post sapevo a malapena dov’erano; un arcipelago finlandese dove si parla lo svedese!) Hammarlands e Lemland.

Ref. 72 – Genoa

L’ultima già la conoscete, si tratta della ref. 72 Subbuteo (Cagliari soltanto nel mio catalogo 1973/1974) replicata dalla Zeugo con la ref. 18. Oltre alle italiane Genoa e Sambenedettese mi è tornato in mente di aver visto la squadra del Cécina, in provincia di Grosseto, giocare con questo kit.
All’estero vi segnalo i baschi del Balmaseda (fondata nel 1914, ben 106 anni di età), i montenegrini del Celik Niksic e gli slovacchi del Lokomotiv Zvolen.

Un nuovo logo per l’Hellas Verona, ref. 92 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Causa COVID e “tutt’altro a cui pensare” é passata un po’ sottotono la notizia del nuovo logo dell’Hellas Verona, squadra storica del nostro campionato e del Subbuteo. In linea con le tendenze sportive del momento, il nuovo logo cerca di semplificare e diversificare, ma per fortuna, in questo caso, restando fedele alla tradizione sportiva scaligera.

Il giallo ed il blu vengono dal gonfalone cittadino. La Scala dai signori della città, i più famosi dei quali furono i Mastini…

Guardatevi tutto e poi giudicate. A me piace davvero parecchio.

Il restyling aveva come intento quello di semplificare e attualizzare il brand Hellas: due soli colori, il giallo e il blu, e infinite possibilità di utilizzo in monocromia sulla base dello sfondo e della superficie sulla quale andrà utilizzato e posizionato. Gli elementi caratterizzanti si ispirano al simbolo ideato e utilizzato, a partire dal 1984, dall’Hellas Verona di Osvaldo Bagnoli.

Un simbolo che è parte integrante anche del logo sinora utilizzato: due teste di mastino in posizione bifronte, che includono la scala a quattro pioli della Signoria dei Della Scala. La dicitura societaria HELLAS VERONA FC è l’elemento portante e di armonica congiunzione di tutti gli elementi. La cifra stilistica, nella sua semplicità, consente al logo di essere facilmente riconoscibile e riproducibile.

I MASTINI. Ideati e disegnati dalla Società dell’Hellas Verona nel 1984, furono l’elemento centrale ed esclusivo del primo logo che apparve sulle maglie gialloblù, in ossequio ai più importanti signori della città di Verona, ovverosia il Mastino della Scala I e II, che tra il 1262 e il 1329 scrissero alcune delle pagine più gloriose della storia del territorio.

Link all’articolo completo sul nuovo logo

Nella mia collezione di squadre per il Calcio da Tavolo è presente una replica della ref. 92, eseguita su materiale originale Subbuteo da Alex Rota, una LW ref. 690, una Zeugo ref. 323.