The Holy Match, La Santa Partita #PlaySubbuteo #Subbuteo

The Holy Match, la “santa partita”, per lo scrivente, è quella che vede opposte due tra le più vecchie ref. della sua collezione, il Southampton, la ref. 9, ed il Preston North End, la ref. 18.

Perchè santa partita? Perchè il Preston North End, ref. 18, ha come simbolo l’Agnello di Dio, l’Agnus Dei, con tanto di croce pasquale. Perchè? Probabilmente per lo stesso motivo per il quale la città si chiama così.

Scrive un amico: Il nome Preston derivava ovviamente dal nome della città denominata in questo modo sin dalle sue origini, si pensa, prendendo spunto da “priests town”, la città dei preti, dato che la città era dominata da un importante priorato.

D’altra parte, il Southampton ha come soprannome The Saints e come inno la celeberrima When the Saints Go Marching In, un gospel americano originale il cui lungo titolo è spesso abbreviato in… The Saints.

Il Southampton fu costituito come squadra di una parrocchia, la St. Mary’s Church of England Young Men’s Association e dal 2001 disputa le partite casalinghe al St. Mary’s Stadium!

Per la cronaca spicciola, 2-2 il risultato finale della partita alla Subbuteo Blog Arena.

Wanderers 1872 by Memorabilia, la Tana dei Serpenti, il Nido dei Rapaci #PlaySubbuteo #Subbuteo

Una delle prime squadre che mi sono fatto dipingere quando, nel 2007, ho preso a giocare con l’Old Subbuteo Club Capitolino Primo (o Tana dei Serpenti). Per i curiosi il mio nick sul forum era “Trollino“. Invece il nome al club era “Blue Snake“.Oltre a Memorabilia ci giocavano Morgan Croce, Lampodelmonte, Maxdarcan, Oldkick e Memorabilia. Ma eravamo talmente tanti che chiesi in prestito una sala alla mia chiesa e a inizio 2008 fondai l’Old Subbuteo Club Capitolino Secondo (o Nido dei Rapaci).

Il Subbuteo Club Nido dei Rapaci esiste ancora ma ha sede a casa mia. Ne fanno parte mia figlia, due miei ex compagni di liceo e due dei loro rispettivi figli.

Aggiornamento fotografico #PlaySubbuteo #Subbuteo

Costretto a casa, come tutti, dal coronavirus, ne sto approfittando per fare tutti quei lavori per cui non ho mai tempo sul blog. In questi ultimi tre giorni ho inserito 180 nuove foto sul blog. Ora c’è almeno una foto o un post dedicato a ciascuna delle 137 squadre della seconda collezione La Leggenda, la Subbuteo Vintage Edition, dedicata alle squadre di club.

Ho aggiornato una settantina di post, ho corretto gli errori che ho trovato, o che qualcuno mi ha segnalato (lo ringrazio anche qui).

Buon “passare il tempo” anche con il Subbuteo ed il mio blog!

Luca

Anderlecht 1982/1983 #PlaySubbuteo #Subbuteo

ANDERLECHT 1982-1983, Vincitore Coppa UEFA
Maglia bianca fregi laterali viola, calzoncini bianco, calzettoni bianco bordi viola, inner bianco, outer viola – Centauria Box

Il Royal Sporting Club Anderlecht (in fiammingo Koninklijk Sporting Club Anderlecht), o, più brevemente, Anderlecht, è una società polisportiva belga di Anderlecht, nei pressi di Bruxelles.
La sezione maggiormente nota è quella calcistica, la quale milita nella Pro League, la massima serie del campionato nazionale, ed è la più titolata del Belgio, potendo vantare la vittoria di 34 titoli di campione nazionale, nove Coppe del Belgio e, in campo continentale, di due Coppe delle Coppe (1975-76, due 1977-78), altrettante Supercoppe europee (1976 e 1978) e una Coppa UEFA (1982-83). Nel club hanno militato numerosi calciatori di rilievo, tra i quali Paul Van Himst, tra gli atleti belgi più popolari, che fu a lungo anche capitano della nazionale del suo Paese e fu nominato Golden Player dalla federazione belga.
Tra le altre sezioni della polisportiva, quella di rugby vanta la vittoria in 20 campionati nazionali belgi.

Austria Salzburg 1993/1994 #PlaySubbuteo #Subbuteo

AUSTRIA SALZBURG 1993-1994, Campione d’Austria
Maglia bianco con fregi viola, calzoncini bianco con fregi viola, calzettoni bianco, inner viola, outer viola – Centauria Box (nel catalogo Subbuteo era la ref. 123).

Lo Sportverein Austria Salzburg, abbreviato in SV Austria Salzburg o solo Austria Salzburg (in italiano Austria Salisburgo), è una società calcistica di Salisburgo, in Austria.
È stata costituita nel 2005 da un gruppo di tifosi dell’omonimo sodalizio fondato nel 1933, che non ne avevano accettato l’acquisizione da parte della Red Bull e il susseguente cambio di nome e colori sociali, decidendo pertanto di mantenere in vita tali segni distintivi attraverso una nuova squadra.

Austria Wien 1977/1978 #PlaySubbuteo #Subbuteo

AUSTRIA WIEN 1977-1978, Campione d’Austria, finalista Coppa delle Coppe
Maglia viola bordo bianco, calzoncini bianco, calzettoni viola bordo bianco, inner viola, outer viola (nel catalogo Subbuteo HW era la ref. 122) – Centauria Box

Il Fußballklub Austria Wien o FK Austria, noto internazionalmente come Austria Wien e in italiano come Austria Vienna, è una società calcistica austriaca con sede a Vienna; milita in Bundesliga, la massima divisione del calcio austriaco e disputa gli incontri interni al Franz Horr Stadion, che ha una capienza totale di 13 000 spettatori. Fondato nel 1911, i colori sociali sono il viola e il bianco; in passato il club è stato conosciuto anche come FK Austria Magna e FK Austria Memphis Wien per esigenze di sponsorizzazione.
È l’unica squadra austriaca, insieme ai concittadini del Rapid, ad aver preso parte a tutte le edizioni del massimo campionato austriaco, riuscendo a conquistarlo 24 volte. È la squadra più titolata d’Austria considerando complessivamente tutti i principali trofei del suo palmarès, nonostante il record di campionati vinti spetti ai rivali del Rapid; ha vinto infatti anche 27 ÖFB-Cup e 6 ÖFB-Supercup.
A livello internazionale ha giocato la finale della Coppa delle Coppe 1977-1978, persa contro l’Anderlecht, mentre in Coppa dei Campioni il punto più alto è la semifinale nell’edizione 1978-1979, dove venne eliminato dal Malmö. Negli anni trenta ha vinto due edizioni della Coppa Mitropa.
Con i concittadini del Rapid dà vita al derby di Vienna, la sfida più sentita del calcio austriaco, essendo queste le due squadre più titolate e le uniche sempre presenti in massima serie.

Auxerre 1996/1997 #PlaySubbuteo #Subbuteo

AUXERRE 1996-1997, Vincitore Coppa Intertoto
Maglia a righe verticali bianco celeste, calzoncini bianco, calzettoni bianco bordi celeste, inner bianco, outer bianco – Centauria Box

L’Association de la Jeunesse Auxerroise, altresì noto come AJ Auxerre o semplicemente Auxerre, è una società calcistica francese con sede nella città di Auxerre, in Borgogna e fondata nel 1905.

Diretta emanazione del patronage Saint-Joseph, l’Association de la Jeunesse Auxerroise è stata fondata nel 1905 dall’abate Deschamps. Sotto la conduzione dell’uomo di Chiesa, l’A.J.A. ottiene rapidamente onorevoli risultati, divenendo uno dei bastioni della cattolicissima F.G.S.P.F. (Fédération de Gymnastique Sportive des Patronages de France – federazione ginnica sportiva dei patronati francesi – una delle molte federazioni prodrome alla nascita nel 1932 dell’attuale campionato professionistico francese). Nel 1908, l’A.J.A. arriva a competere per il titolo di campione di Francia della F.G.S.P.F., ma si deve arrendere in finale sconfitta per 1-8 dai parigini del Patronage Olier. Alla fine della prima guerra mondiale, l’A.J.A. viene privata del terreno di gioco che utilizzava nella zona delle Ocreries. L’abate Deschamps acquisisce allora numerose particelle di terreno lungo il fiume Yonne sulla strada per Vaux (il futuro Stadio dell’Abbé-Deschamps). Proprio come una vera abbazia medievale, l’A.J.A. non cessa, dopo questa data, di far fruttare il suo capitale. Oggi l’A.J.A. è la sola società militante in Ligue 2 proprietaria del suo stadio.

Borussia Moenchengladbach 1974/1975 #PlaySubbuteo #Subbuteo

BORUSSIA MOENCHENGLADBACH 1974-1975, Campione di Germania Ovest, Vincitore della Coppa UEFA
Maglia bianco strisce centrali nero verde nero, calzoncini bianco, calzettoni bianco, inner bianco, outer verde – Centauria Box

Il Borussia Verein für Leibesübungen 1900 Mönchengladbach, noto internazionalmente come Borussia Mönchengladbach, abbreviato in Borussia M’Gladbach o Gladbach, e talvolta, per ragioni di grafica televisiva, anche in Borussia MGB, è una società polisportiva tedesca di Mönchengladbach nota al grande pubblico internazionale per la sua sezione calcistica, tra le più blasonate di tutta la Germania. È, infatti, l’unica squadra tedesca assieme al Borussia Dortmund che può esporre sulla propria tenuta ufficiale due stelle (conferite dalla DFB alla vittoria della quinta Bundesliga), in questo seconda solo al Bayern Monaco, che ne vanta quattro.

Fondata nel 1900, giocò a lungo nei campionati minori e ottenne il suo primo successo nel 1960 conquistando la Coppa di Germania. Conobbe il suo massimo splendore negli anni settanta, quando insieme al Bayern dominò la scena nazionale ed europea vincendo cinque campionati tedeschi, una Coppa di Germania e due Coppe UEFA. Artefici di questi successi furono l’allenatore Hennes Weisweiler e la sua squadra formata da giovani fuoriclasse, per questo motivo chiamata Fohlen-Elf (“La Squadra dei Puledri”), in grado di esprimere un nuovo calcio altamente spettacolare e spiccatamente offensivo.

Crystal Palace 1990/1991 #PlaySubbuteo #Subbuteo

CRYSTAL PALACE 1990-1991, finalista di FA Cup
Maglia strisce verticali rosso blu a prevalenza di rosso, calzoncini rossi, calzettoni rossi, inner blu, outer rosso – Centauria Box

Il Crystal Palace Football Club, noto più semplicemente come Crystal Palace, è una società calcistica inglese con sede a Londra, nel borgo di Croydon. Milita nella Premier League.
Il club fu fondato il 10 settembre 1905 dai proprietari dello stadio dove si teneva la finale di FA Cup, che desideravano che nello stadio giocasse una loro squadra.
La scelta dei colori sociali originari è stata ispirata dalla presenza nell’ambito societario di Edmund Goodman, ex impiegato dei Villans che si occupò dell’aspetto organizzativo del nuovo club e che ne fu allenatore dal 1907 al 1925. Attualmente i colori adottati sono il rosso vermiglio e il blu.
Nella sua storia la squadra londinese ha raggiunto i migliori risultati all’inizio degli anni novanta, guidata in attacco da Ian Wright, con la finale di FA Cup del 1990 persa al replay e il terzo posto in campionato nel 1991. In quell’anno vinse anche la Full Members Cup, competizione per le squadre delle prime due divisioni, giocatasi fra il 1986 e il 1992.