Juventus 2019/2020 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Realizzato dal produttore di materiale per il Calcio da Tavolo Extreme Works, Mr. Claudio Dogali e dai suoi collaboratori.

Juventus 2019/20
Basi Pro Evo 2
Cover personalizzato
Figure in decal e aerografo

Per informazioni o richieste inviare un messaggio
oppure scrivere a : Info@extremeworks.it

I lancieri “Estremi”! #PlaySubbuteo #Subbuteo

Maglia a mio modo di vedere molto più simile ad una maglia dei Gunners, dell’Arsenal (ref. 16) che alla ref. 56 Subbuteo. Ma comunque come sempre un lavoro di grande fattura.

Presentata da Claudio Dogali:

Ajax Amsterdam
Lavorazioni in decal e rifinita ad aerografo.
Basi Pro Evo 1
Cover personalizzato.

Per informazioni per realizzare la Vs. Squadra personalizzata
Scrivere a : info@extremeworks.it

Pescara 1991/1992 per Stefano! #PlaySubbuteo #Subbuteo

Presentato da lui:

Pescara 1991/92, con cui affronterò, nelle vesti di Giovanni Galeone, il campionato 2020/21. Ancora un grazie a Pablo per l’applicazione delle decals. Miniature HW, basi e inner Top Spin, rifinitura con smalto acrilico Lifecolor.

Il Pescara quell’anno arrivò secondo in serie B e venne promosso in A. Con una successiva condanna per illecito sportivo per fatti accaduto quell’anno che gli costarono tre punti di penalizzazione, scontati nel campionato 1993/1994.

Che palle (per) il Calcio da Tavolo/Subbuteo! #PlaySubbuteo #Subbuteo

Ho controllato nel mio sconfinato archivio ed ho visto che a settembre del 2018 ho scritto del Tango, la palla per il Subbuteo di dimensione media che tuttora riscuote grande successo per i subbuteisti. Semplicemente, a mio parere, perchè andava più dritta delle altre.

Eh già, perchè il problema una volta non era trovare una pallina per giocare, non c’è mai stato quel problema, era un accessorio sempre disponibile presso qualsiasi giocattolaio. Ma era trovarne una ben incollata, che andasse dritta sul panno, che non avesse quei fastidiosi residui di lavorazione che non tutti noi ragazzini dell’epoca eravamo così bravi a togliere! O che non si aprisse in due dopo tre o quattro volte che cadeva dalla tavola di gioco per terra.

Ora per fortuna la situazione è parecchio migliorata. I produttori prestano molta più attenzione alla qualità (merito anche della concorrenza a mio parere! quando un gioco è monomarca il produttore più di tanto non ci si impegna…) e la situazione per i giocatori di oggi non è paragonabile a quella di noi pionieri.

Visto che sono sufficientemente vecchio per farlo, vi dirò che però le prime palle per il Calcio da Tavolo erano molto più grandi di quelle con cui si gioca adesso. Quelle con cui il 95% dei giocatori gioca adesso sono le palline di dimensioni medie. Che però fino alla fine degli anni Settanta non esistevano. Si giocava o con le palle grandi, conosciute con la sigla F, che trovavi nelle scatole del gioco, o con quelle per esperti, piccoline, conosciute con la sigla FF. Le F ora sono scomparse dal mercato, mentre resiste una nicchia di giocatori (io sono tra questi!) che preferisce giocare con la palline piccole.

Vi posto una foto presa dal sito dell’immancabile Peter Upton per darvi una idea di massima della differenza tra palla grande, media e piccola.

Palla media, FF (piccola) e F (grande)

A ben guardare, la palla FF è la più proporzionata alla dimensione della miniatura, ed è ancora, in scala, forse troppo grande rispetto ad essa. Ma se la pallina fosse più piccola sarebbe davvero difficile giocare!

Tagliando corto, nel calcio da tavolo di oggi, come nell’ old subbuteo, si usa al 99,9% la palla media, al 100% nei tornei. Così i produttori si sono concentrati tutte su quelle dimensioni. la palla F vi dicevo è scomparsa, la FF resiste grazie ai produttori Astrobase e TopSpin, ma sarei davvero curioso di sapere quante ne vendono. Quando qualcuno mi vede, le poche volte che vado in giro, tutti vogliono provare le mie FF (ne ho sia originali degli anni Settanta, sia versione replica Top Spin), ma quasi nessuno vuole giocarci. Credo di averlo fatto solo con Andrea Strazza e con Enrico Guidi (allora mio compagno di club, ora gioca a Perugia). Molti ci provano, fanno due tocchi, e poi rinunciano. Troppo abituati alla solita misura…

Vi faccio una carrellata di palline ora, con le foto prese dai vari cataloghi e qualche indicazione di prezzo. Vi anticipo che ce ne sono per tutti i prezzi e per tutti i gusti, monocolore o con le decals. Anche veri e propri pezzi da collezione. Motivo per cui una pallina può costare da 1,50€ a 12,50€…

Regolatevi voi, in base al vostro budget. Se le collezionate e basta è un conto, ma se ci giocate pensateci bene. La plastica per una cosa che deve essere così leggera, e che resiste ad un pestone di scarpa ancora non l’hanno inventata…

Partiamo da queste. Sono palline con decals, realizzate dal produttore Extremeworks (info@extremeworks.it). Il costo è di 9,50 €.

Queste sono invece le palline Giotto del produttore Astrobase. Il costo è di 3,50€. Astrobase (info@astrobase.it) produce anche palline con decals, ed in quel caso il costo varia tra gli 8 e i 12€ a seconda della complessità della lavorazione.

Le palline della Zeugo le trovate nei negozi di giocattoli ma anche sul sito Parodi e su quello Astrobase. Come ovviamente su Amazon! Una confezione da 4 palline va dai 5,90 ai 7€, con un costo quindi di 1,50/1,70€ a pallina.

Le palline del produttore ufficiale Subbuteo stessa cosa, negozi di giocattoli o online. In questo caso il prezzo medio è di 11€ per una confezione di 3 palline (3,60€ a pallina).

Le palline da gioco della TopSpin Soccer (info@topspinsoccer.com) “normali”, il tipo Match costano 3,50€ a pallina (come Astrobase e come le Subbuteo ufficiali quindi), mentre i vari tipi con decals a catalogo hanno un costo di 9, 9,50€ ciascuna.

Fate la vostra scelta… e divertitevi!