Vola, un’aquila nel cielo del CSM #PlaySubbuteo #Subbuteo

Il Centro Sportivo in Miniatura, dove mi sono recato anche ieri pomeriggio per tre ore di gioco, è davvero un bel posto. A fronte di una spesa minima per il tesseramento, puoi giocare in assolutà serenità, con le miniature e sul tipo di campo che preferisci. Rinnovo anche qui i complimenti ad Andrea Strazza, Andrea Periccioli e Mauro Simonazzi per l’idea e per l’ambiente che sono stati capaci di creare, e sono lietissimo di poter collaborare con loro, con le mie capacità, per il suo sviluppo.

Ieri un'”oldista” mi ha detto che “però, sai, anche li, devi fare una tessera, come nella FISCT”… Ma cosa c’entra? Sono stato presidente di un club Old Subbuteo, di quelli che avevano la loro pagina sul forum, e vi assicuro che i miei conclubbini la tessera di carta non ce l’avevano, ma la quota mensile la pagavano eccome! L’affitto della sala bisogna pagarlo, così la luce, l’acqua, ecc… Se organizzi un torneo i premi li devi pagare… Questa storia della tessera, detta alla romana, è solo una emerita fregnaccia! E scusate il linguaggio, per me inusuale, ma quando ci vuole…

Secondo, la FISCT non c’entra proprio nulla con il Centro Sportivo in Miniatura, che è una iniziativa privata di tre persone e dei loro amici. Poi certo, ci vengono a giocare anche tesserati FISCT, nè più nè meno come vanno a giocare in alcuni club Old e viceversa, come alcuni oldisti vanno a giocare nei tornei FISCT. Disobbedienti al council (si dice così?) ma ci vanno.

Ma basta con queste, lo ripeto, scempiaggini, che lasciano il tempo che trovano. Parliamo del gioco che è quello che a me personalmente, SOLO interessa. Ieri nel primo pomeriggio mi sono trovato con Andrea Strazza, e con padre e figlio, Andrea e Luca Periccioli. Ci siamo separati sui campi e ci siamo messi a giocare. Tutte e due le coppie su Astropitch Subbuteo. Però io ed Andrea Periccioli con miniature Subbuteo, Luca Periccioli ed Andrea Strazza con miniature su basi CC2 Astrobase per Calcio da Tavolo.

Sul campo numero 1, quello mio e di Andrea padre di Luca, in campo, per lui, un bel Frosinone nuovo di pacca, completo giallo fiammante, montato su basi non so di marca LL1 (se ho ben capito, quelle larghe). Per me una vissutissima Lazio 1900, realizzata con tutti materiali Subbuteo originali restaurati da Alex Rota, con miniature tipo Walker. Tanto che mi hanno chiesto, praticamente all’unisono, i due Andrea: “Ma sei sicuro che ci vuoi giocare? E se poi cade una miniatura e si rompe?”. Sapete com’è, io sono della scuola che con i giocattoli ci si gioca. Altrimenti che ce li hai a fare? Quindi via alle due partite.

Sull’altro campo curiosamente, sempre Lazio contro gialli, però Lazio contro Brasile. Lazio affidata ad Andrea Strazza, Brasile a Luca Periccioli.

Partono forte i due Luca e con sorpresa degli Andrea si ritrovano entrambi in vantaggio sui loro avversari. 1-0 per Luca Zacchi ed 1-0 per Luca Periccioli. Il primo tempo asi chiude così sul campo di Subbuteo, mentre sul campo di calcio da tavolo Strazza pareggia e finisce 1-1.

Secondo tempo, sul campo di Subbuteo Periccioli padre va in avanti, ma a Luca Zacchi oggi riesce tutto ed in contropiede raddoppia e si porta sul 2-0, chiudendo così il match. Sul campo di CDT invece Andrea maramaldeggia e chiude sul 4-1 contro Periccioli figlio.

Nella foto la Lazio 1900 che ha portato alla vittoria un incredulo Luca Zacchi, abituato a perdere il 90% delle partite che gioca….

A questo punto i Periccioli, padre e figlio, escono ed arriva il mitico Francesco Bressi che, visto che il frigorifero era vuoto, si getta sul campo anche lui e dopo aver provato tre o quattro squadre Subbuteo (tra cui un bel Manchester City che però, a suo dire, “al suo dito non piace”) si lancia a giocare a CDT con Andrea Strazza. Poi ad un certo punto mi dice: “Dammi il cambio”. Io: “A CDT? Contro Strazza? E’ vero che ultimamente gioca soprattutto a Subbuteo, ma non c’è partita”. “E dai, mi fa lui”. Acconsento, tre tocchi e sono al tiro. Strazza para, ed io sono sempre più stupefatto. Poi guardo le miniature… sto giocando con la Lazio di Astrobase. Ma allora saranno le Aquile a farmi volare??? Comunque non prendo gol, altra cosa stupefacente, e ripasso la squadra a Bressi, appena è pronto…

Non so cosa sia successo, ma la prossima volta mi porto di nuovo la Lazio!!! Sicuro!

Stadio Olimpico: 15 maggio 2019 – L’inno della Lazio a fine partita dopo la vittoria della Coppa Italia
La didascalia in questo caso è superflua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *