Atzeneta Unió Esportiva, ref. 49 #PlaySubbuteo #Subbuteo

1263 abitanti all’ultimo censimento contava il comune spagnolo, valenciano, di Adzaneta di Albaida. Ma ha uno stadio che tiene 1500 persone e dopo gli ultimi Play Off Promozione (de ascenso) della Tercera Division, l’anno prossimo, 2020/20121 si ritroverà come il comune più piccolo che ha una squadra in Segunda Division B, terzo livello (per ora, come vi ho scritto l’anno prossimo si cambia sistema) del calcio spagnolo.

La squadra é l’Atzeneta Unió Esportiva, giovane, fondata nel 1975, che ha giocato nelle leghe regionali dalla sua fondazione al 2018. Poi ha messo il turbo!

Due campionati di quarto livello, in Tercera Division, ed ora l’ennesima promozione! Staremo a vedere. Curiosa anche l’evoluzione della divisa sociale. Completamente bianca (ref. 21) dalla fondazione a metà del 2014, poi completamente arancio da quell’anno in avanti. Ref. 49 quindi adatta per riprodurla a Subbuteo anche perchè spesso il completo presenta decori neri.

Lettera a Babbo Natale #PlaySubbuteo #Subbuteo

Pure se è tutto vestito di bianco e rosso, soddisferà, io credo, i desideri di un “bimbo”che sogna il bianco e verde… magari gli manderà un elfo pittore tutto per lui…. Gli elfi, si sa, amano il verde…

Caro Babbo Natale ti scrivo con un certo anticipo sui tempi… se per caso hai da qualche parte una maglia dell’Avellino mandamela …. poi io farò mettere dal mio sarto di fiducia lo stemma di Osc Mortara all’altezza del cuore e appena sotto il mio nome e cognome. Così andrò al Club ed in giro per tornei e nazionali vantandomi senza alcun ritegno.
Se la trovi mandamela che io sarò contento come un merlo.
Tuo Mauro Starone, il Pres di Osc Mortara

Stoccardelli #PlaySubbuteo #Subbuteo

La storia di Stoccardelli, raccontata dall’amico Gio! Da sola vale tutto il Subbuteo giocato. Anzi, forse è proprio questo il Subbuteo,la storia degli Stoccardelli di ieri e di oggi.

E’ risaputo che il più grande giocatore di tutti i tempi sia senza ombra di dubbio Stoccardelli.
Almeno a casa mia, da quando mio figlio si è sentito in dovere di dare un nome all’attaccante della sua squadra di Subbuteo preferita: il West Ham United. Da quando ha posato gli occhi sulla mia malconcia ref. 7 del ’76, per lui non c’è altra squadra, fatta eccezione per il Milan (ref. 57), il Motherwell (ref. 46), il Blackpool (ref. 13). I suoi amici lo guardano strano quando nomina le squadre che per lui contano di più, sono gli effetti collaterali del Subbuteo. Non parliamone di quando in cortile tirano quattro calci al pallone e lui grida come un pazzo “ecco Stoccardelli che scende sulla fascia… Stoccardelli tira… goaaaaal!!!”. Tutti i “Ronaldo” e i “Messi” rimangono stralunati a guardarlo.
Da dove abbia preso il nome è un mistero. Probabile un mash-up tra nomi di squadre e giocatori che forse ha sentito nominare (Tardelli, Zaccarelli, lo Stoccarda? Boh!), ma al di là della sua origine, per tutti noi il giocatore è già un mito intoccabile.
Tornando poi al Subbuteo, non solo Stoccardelli è l’attore principale delle partite del West Ham: di tanto in tanto compare in altre formazioni, a volte anche nazionali, dalla Scozia all’Italia passando per l’Olanda, un vero cittadino del mondo, e le sue prestazioni sono sempre straordinarie. Una continuità di rendimento che nemmeno Maradona… . Insomma, uno di quei giocatori che nascono ogni cent’anni. In epoca digitale, un miracolo analogico servito su panno verde.

(Gio Subbuteo Insubbuglio)