HB 36, ma non è una matita! #PlaySubbuteo #Subbuteo

Non è una matita…

Sono le sigle accoppiate delle due squadre del Porto di Thor!

No, non ho bevuto di mattina presto, “porto di Thor” è il significato del nome “Tòrshavn” che è il nome della capitale delle isole Far Oer, quelle dove gioca anche Ki??? Il Ki!, esatto.

Per l’esattezza la prima squadra è l’HB Torshavn, ovvero, Havnar Bòltfelag Tòrshavn, che tradotto dal mio islandese maccheronico con un supporto veramente minimo di Google Translate significherebbe “Porto (havn) società di calcio della città del porto di Thor”. Passatemela, ve ne prego! O Thor vi colpirà col suo martellone!

Comunque è la società più titolata delle isole. 23 campionati e 27 coppe nazionali. Gioca nella stadio di Gundadalur che ha ben 8000 posti (se considerate che tutta la città non arriva a ventimila abitanti, converrete con me che sono davvero parecchi!).

Colori sociali, come si vede dallo stemma, il rosso ed il nero. Rendibile a Subbuteo con le ref. 14, 147, 57 e 76. Predilige le maglie a strisce ultimamente, specie stile ref. 76.

La seconda squadra è la rivale cittadina, il B36 Tòrshavn, ovvero Boltfelagio 1936 Tòrshavn (assai più modestamente “società di calcio del 1936 della città del porto di Thor”).

Gioca pure lei a Gundadalur (questo non so che significa ma mi fa venire in mente gli orchi del Signore degli Anelli…). “Solo” 11 scudetti e 5 coppe nazionali all’attivo.

Colori sociali il bianco ed il nero, ref. utilizzabili 10, 156, ma soprattutto 178 (lo Swansea di subbutestica memoria). Anche però la ref. 240, come seconda maglia. Se proprio siete a corto di tutto, ref. 21 per la prima maglia e ref. 272 per la seconda e passa l’inquietudine.

Visto che a Roma sono due giorni che piove e si è abbassata la temperatura vi faccio vedere qualche immagine cittadina del Porto di Thor (non ridete, ci tengono ce l’hanno pure nello stemma comunale).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *