L’annosa questione, ovvero, facciamola finita che siamo ridicoli! #PlaySubbuteo #Subbuteo

Anno (calciodatavolo/subbuteistico) nuovo, cretini vecchi. Quelli non mancano mai. Ho appena cancellato un commento cretino al mio blog che diceva che non potevo parlare di Subbuteo se posto foto di squadre di calcio da tavolo o gioco su un panno Extreme.

Francamente sono stanco di queste diatribe che più vado avanti, più considero senza senso. L’ho scritto e detto più volte, in tutte le sedi ed in tutti i forum, club, federazioni, leghe: e scusate se in questo frastagliatissimo piccolo mondo dimentico qualcosa.

A luglio, mi pare, su calciotavolo.net ne parlava anche Maurizio Brillantino in un articolo intitolato “A cosa giochiamo”.

Giochiamo, tutti, a Calcio da Tavolo, signori, fatevene una ragione una volta per tutte. Ho appena fotografato le mie Club Edition, una del 1967, un’altra del 1973.

Noterete che su tutte e due è scritto “Table Soccer“, Calcio da tavolo; su quella del 1973 c’è anche scritto “Calcio di miniatura“, in modo un po’ sgrammaticato ma chiaro, come oggi lo riporta meglio scritto la confezione a marchio Zeugo, azienda italiana e quindi madrelingua, “Calcio in miniatura“.

Allora per chi si ostina a non voler (perchè si tratta di volontà, non di incapacità) capire, giochiamo, tutti a Calcio da Tavolo o Calcio in miniatura.

Subbuteo è un marchio commerciale, come Zeugo, come TopSpin, come Extremeworks, o Total Soccer, Astrobase o Superfooty o chissà quanti altri ancora.

Un marchio commerciale importante, soprattutto in Italia, perchè, grazie alla lungimiranza ed alla attività svolta da Parodi, poi ideatore del marchio Zeugo, nel nostro paese é stato per lungo tempo l’unico tipo di calcio da tavolo giocato e venduto. Al punto che, anche quando, come in tutto il mondo, i giocatori di calcio da tavolo hanno fatto la scelta per i materiali liberi, in Italia e solo in italia la Federazione di Calcio da Tavolo non è riuscita a liberarsene… perchè qui se dici “calcio da tavolo” spesso ti confondono con il biliardino, o devi spiegare a cosa giochi. Mentre se dici che giochi a Subbuteo, gli adulti capiscono tutti. Gli adulti però, badate bene.

Qui sta l’equivoco. Che solo in Italia si continua a pensare il calcio da tavolo come un gioco per adulti cresciuti. Da qui derivano, ne parlava anche Maurizio nel suo articolo, certe difficoltà quando devi fare attività con i bambini o i ragazzi. Che magari vengono pure al tuo club ma di materiale marchiato “Subbuteo” non ne vedono neppure l’ombra.

Prendete coraggio club! Dite che fate lezione e giocate a calcio da tavolo. Che si inizia con materiale commerciale, marchiato secondo i fabbricanti che scegliete o che vi mettono il materiale a disposizione (Subbuteo, Zeugo, TopSpin, Astrobase…) e poi chi è più bravo passa al materiale professionale.

Il mondo dei bambini e dei ragazzi è il mondo del calcio da tavolo! Punto.

Poi ci sono gli amatori del gioco, quelli come me che di anni ne hanno quasi sessanta e ci giocano da quasi cinquanta (certo che detta così mi spavento da solo…). Per quelli vale il discorso del giocare a Subbuteo. Perchè io oggi sto giocando, anzi stavo, prima che mi venisse notificato il commento al post, giocando a Subbuteo, con due squadre montate su basi basculanti, usando il regolamento Subbuteo per esperti del 1974, quello con cui ho imparato. Stavo giocando in realtà a Calcio da Tavolo, con materiali alcuni marchiati Subbuteo, altri no.

Che poi anche qui ci sarebbe da dire… Se sono un “maturo matusa” più giovane di me, ed ho iniziato a giocare con le Subbuteo monoblocco o le Subbuteo Hasbro? Perché quello non sarebbe Subbuteo? E’ materiale anni Ottanta e Novanta, marchiato Subbuteo, distribuito dagli stessi che in precedenza distribuivano LW ed HW.

Allora diciamola tutta. Ci sono club di amatori del calcio da tavolo (calcio da tavolo, calcio da tavolo,calcio da tavolo,calcio da tavolo,calcio da tavolo, fatevelo entrare in testa, questo è il nome del gioco!) che nei loro club o nei club da loro organizzati fanno giocare solo con materiale Subbuteo di loro preferenza, per esempio solo HW o LW, o con repliche su base “basculante” della produzione di quel periodo.

Per i club di calcio da tavolo (calcio da tavolo, calcio da tavolo,calcio da tavolo,calcio da tavolo,calcio da tavolo…) che fanno attività sia amatoriale, sia agonistica il problema non si dovrebbe porre proprio. Ognuno dovrebbe poter giocare con le miniature che preferisce. Punto. Cominciare con quelle commerciali ed a poco prezzo e poi, se crede, se vuole, se gli piace, passare a materiali migliori e più performanti. Anche se, come spesso dico, la differenza la fa il dito. Se gioco con Morgan Croce o con Massimo Bolognino mi battono pure con le miniature Flat anni Sessanta o con le Zeugo 2003! Con qualsiasi regolamento io scelga di giocare.

Questo blog si chiama Subbuteo Blog perchè la forma di calcio da tavolo a marchio Subbuteo è la forma di calcio da tavolo con cui io, Luca Zacchi, 57 anni, ho imparato a giocare nei primi anni Settanta.

Nel titolo c’è l’hastag #PlaySubbuteo”, che mi sono inventato nel 2014 per la campagna TIM #unmilionedipassioni, perchè io è tuttora a questa particolare forma di calcio da tavolo, marchiato Subbuteo, che gioco, sette partite su dieci almeno.

Ma io, Luca Zacchi, gioco a calcio da tavolo (calcio da tavolo, calcio da tavolo,calcio da tavolo,calcio da tavolo,calcio da tavolo…), principalmente con miniature a marchio Subbuteo (dagli anni Sessanta agli anni Duemila ed oltre), poi anche con miniature a marchio TopSpin, Zeugo, Astrobase, Replay, Extremeworks, Santiago, Superfooty, Stepehen Corda, ecc…

Il tipo di panno o di porta per me sono problemi secondari. Tra le prime porte Subbuteo, anche se molti fingono di dimenticarselo, c’erano anche porte di metallo. I panni Subbuteo ci sono di cotone, acrilici, gommati… Più veloci e più lenti. Quando facevamo i tornei al liceo (primi anni Ottanta), ricordo che c’era chi non voleva giocare sull’Astropitch perché… era troppo veloce, “non era vero Subbuteo”. Non è cambiato granché il panorama da allora, pare…

Allora, per favore, giocate, e lasciate perdere queste storie, queste menate, queste… boccaccia mia statte zitta… Perché questo sono commenti come quello che ho appena cancellato.

Buon Calcio da tavolo, che sia Subbuteo o quello che preferite!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *