Los “Maños” de España #PlaySubbuteo #Subbuteo

Maños è uno dei soprannomi della squadra spagnola del Real Zaragoza. In verità è il soprannome di tutti gli abitanti della regione di Aragona di cui è capoluogo (circa 700.000 abitanti; le altre province sono Huesca e Teruel). Deriva probabilmente dal latino magnus, ovvero, grande.

Aragona (evidenziata)

Un altro soprannome è Leones e questo è più facile da spiegare, perché é l’animale simbolo, presente sia sullo stemma cittadino, sia su quello della squadra di calcio.

Terzo ed ultimo soprannome è Blanquillos (traduzione superflua direi) che dipende dal colore delle maglie.

La squadra non figura nè nel catalogo HW, nè in quello LW. La ref. più simile in HW è la ref. 293 (IFK Norrköping), o la ref. 293 LW (Napoli Away).

Nella mia collezione è presente il Real Zaragoza 1994/1995 che in quell’anno vinse la Coppa delle Coppe.

Il Real Zaragoza attualmente compete nella seconda divisione spagnola, Segunda Division A, ha disputato un ottimo campionato ma è stata appena eliminata ai playoff per la promozione in Primera Division. Fu fondata nel 1932, dopo l’accordo per formare un club unico dalla fusione di Iberia Sport Club e Zaragoza Sports Club (fondato nel lontano 1903), i due club più importanti della città. Prese il nome di Zaragoza Foot-ball Club e i colori della Federcalcio aragonese, blu e bianco.

Per i curiosi delle origini, lo Zaragoza Sports Club aveva maglia bianca e calzoncini neri (ref. 10, come il Fulham o lo Spezia), poi maglia rossa con bordi gialli e calzoncini bianchi (ref. 93 come la Roma). L’Iberia Sport Club vestiva di giallo e nero stile ref. 30 (Cambridge).

È al nono posto nella classifica storica della Prima Divisione di Spagna, avendo disputato ben 58 stagioni in quella categoria. Inoltre occupa il settimo posto tra i club spagnoli nella lista dei titoli ufficiali, con sei Coppe del Re, una Supercoppa, una Coppa delle Fiere e una Coppa delle Coppe.

Real Zaragoza con i pantaloncini blu anziché celesti, stile ref. 18
Real Zaragoza maglia classica anni Ottanta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *