Real Murcia Club de Fútbol #PlaySubbuteo #Subbuteo

Visto che si tratta di un club spagnolo, e che ho appena finito una serie di post sui promossi o in cerca di promozione dalla Seconda alla Prima divisione del calcio spagnolo, immagino che vi chiederete perchè parli di questa squadra. Che gioca nella terza divisione spagnola (la nostra serie C, chiamata Segunda Division B, per l’esattezza nel girone 4 (costituito da squadre provenienti dalle regioni autonome di Andalusia (10), Murcia (4), Castiglia-La Mancia (3) e Estremadura (3)), e che oltretutto quest’anno ha condotto un campionato anonimo, concluso all’ottavo posto.

Ne parlo per due motivi. Intanto, come potete intuire dal titolo di Real (concesso da Re Alfonso XIII nel 1922) è una squadra storica (fondato nel 1908 come Murcia CF), ha giocato per ben 18 stagioni in Prima Divisione e la bellezza di 53 in seconda… fino al fallimento economico, al termine della stagione 2013/2014, che ha fatto temere che sparisse per sempre.

Il secondo motivo è che, per evitare un nuovo fallimento, dal 2018 il Real Murcia si fonda sull’azionariato popolare. Di recente è stato fatto un nuovo appello a tifosi, amici e simpatizzanti ad acquistare, chi può, le azioni, chi non può altro per aiutare il club. Ho fatto la mia parte ed ho acquistato un piccolo gadget, che mi arriverà domani via Barcelona.

Che sia una squadra storica ce lo dice pure il fatto che sia presente nel catalogo Subbuteo, alla ref. 1! I colori sono il bianco ed il rosso, ha usato anche di recente una maglia uguale a quella dei Gunners, dell’Arsenal, della ref. 16, con cui personalmente mi piace renderla sul tavolo verde (Subbuteo! non biliardo o poker!).

Preciso però che questi sono i colori dal 1973 ad oggi. Dal 1920 al 1973 la maglia è sempre stata rossa ma i calzoncini prevalentemente blu, come quelli della nazionale (ref. 48) e per un breve periodo neri, come il Maiorca (ref. 14). Prima del 1920 è documentato anche un Murcia CF in maglia verde e pantaloncini bianchi (ref. 146 o 157).

La squadra vera gioca in uno stadio nuovissimo, inaugurato nel 2006, che ha il divertente (almeno per me, che mi diverto con poco) nome di Nueva Condomina, che mi fa pensare al condomini ed alle sue infinite assemblee… solo che almeno allo stadio ti diverti!

E’ uno stadio bellissimo e grande, ospita ben 30000 spettatori, pensato quando era viva la candidatura di Spagna e Portogallo per i Mondiali 2018 (poi assegnati alla Russia).

Dove si trova Murcia forse non lo sapete, in effetti non è Madrid o Barcellona, o Bilbao, che tutti più o meno sanno indicare sulla mappa.

E’ una citta molto elegante e molto colta, sede di ben due Università Internazionali, molto frequentate dai giovani che seguono il progetto conosciuto come Erasmus.

UCAM University
Università Statale di Murcia

E’ una città ricchissima di tradizioni. Le feste popolari più importanti si svolgono nel periodo di Pasqua. La prima ha a che fare con il pesce! Dovete sapere infatti che la città di Murcia (non troppo lontana dal mare) è attraversata da un piccolo fiume, il Rio Segura. Nel fiume si trova una costruzione a forma di sardina, considerata uno dei simboli della città. E proprio alla sardina infatti, è dedicata una delle due feste più famose e importanti della città di Murcia: l’Entierro de la Sardina en Murcia (il funerale della sardina a Murcia), una festa considerata di interesse turistico internazionale. Questa si svolge ogni anno, il sabato seguente al giorno di Pasqua ed è caratterizzata da una sfilata di carri allegorici che culmina con l’incendio del carro allegorico che rappresenta la sardina stessa.

Vi incuriosisce? Siete golosi di sardine? Vorreste partecipare? La festa ha un sito internet molto ben fatto. Se volete approfondire cliccate qui, e buon divertimento!

Qualche giorno prima, il martedì dopo la domenica di Pasqua, si svolge l’altra festa di rilevante importanza che caratterizza la città: il Bando de la Huerta (bando del terreno coltivato), in cui si assiste a varie sfilate di carri e processioni e durante la quale i murciani di tutte le età si travestono con il tipico vestito da contadino murciano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *