1978/1979. Stesso anno, destini diversi #PlaySubbuteo #Subbuteo

Sul campo principale del Subbuteo Club Nido dei Rapaci, con sede a casa mia!, ci sono due squadre basculanti con la maglia dello stesso anno sociale, per l’appunto il 1978/1979. La prima è la Roma, la seconda il Nottingham Forest.

Per la Roma quello fu un campionato travagliato ed un anno portatore di grandi cambiamenti. Fu il primo anno in giallorosso del bomber di Crocefieschi, al secolo Roberto Pruzzo, proveniente dal Genoa. Il presidente Anzalone lo acquistò per la cifra enorme, all’epoca, di tre miliardi di vecchie lire. Per rientrarne, almeno in parte, fu costretto a cedere in prestito Bruno Conti.

Ma il salto di qualità non ci fu, la Roma passò tutto il campionato in bassa, a tratti bassissima classifica e si salvò solo ad una giornata dal termine, pareggiando una tesissima partita in casa con l’Atalanta per 2-2, per poi chiudere con uno squallidissimo 0-0 con l’Ascoli, risultato che salvava entrambe le squadre. Iniziò con Giagnoni allenatore, ma già a novembre arrivarono Valcareggi e Bravi. Le cose però non migliorarono poi tanto.

L’unico vero successo di quell’anno arrivò dal marketing, grazie all’invenzione del marchio Lupetto e dalle maglie molto fantasiose della Pouchain, le mitiche maglie “ghiacciolo”. La Roma arrivò seconda solo alla Juventus per gli incassi del merchandising; terzo, ma a grandissima distanza, il Milan vincitore dello scudetto.

A fine anno Anzalone lasciò il testimone e la presidenza della società a Dino Viola,che avrebbe fatta grande la “Rometta” come era soprannominata allora. Primo acquisto del neopresidente lo scudettato Nils Liedholm… ma questa è un’altra storia.

Molto diverso l’anno, trionfale, del Nottingham Forest, fresco campione d’Inghilterra. Tre trofei in carniere quell’anno: Coppa dei Campioni (l’attuale Champions League), League Cup (bis di quella vinta l’anno precedente), Community Shield (per chi non lo sa, trofeo calcistico inglese che mette di fronte la squadra vincitrice della Premier League a quella che ha vinto la FA Cup, o Coppa d’Inghilterra). I rossi dei boschi delle foreste di Sherwood chiusero il Campionato al secondo posto, a 8 punti dai rossi di Liverpool. Tornarono così in Coppa dei Campioni e la rivinsero l’anno dopo, assieme alla Supercoppa Europea. Allenatore il mitico Brian Clough.

Poi però le cose sarebbero cambiate, la Roma avrebbe iniziato una fase ascendente, Niels Liedholm l’avrebbe portata allo scudetto; il Nottingham, al contrario, una calante, che prosegue tuttora. Sono ben 12 anni che vivacchia, con più bassi che alti, nella Championship, la seconda divisione del calcio inglese, la nostra serie B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *