Angers LW, ref. 140 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Luca Zacchi, ossia chi gestisce questo blog, risponde come può a tante domande che gli arrivano per email sulle ref. del catalogo. Ieri me ne è arrivata una sulla ref. 140, se era corretto il riferimento alla squadra dell’Angers o non era piuttosto il Marsiglia.

Angers è correttissimo, trattasi di squadra bianco nera. Nella foto qui l’inner è rosso ma l’ho vista anche con inner nero o inner bianco. Sempre nel catalogo LW l’Angers di rende anche con la ref. 156 (Cesena o Germania Ovest).

Il riferimento al Marsiglia, all’OM, rimanda piuttosto al catalogo HW. L’OM però è bianca e celeste/azzurra, e con il nero non ha nulla a che fare. Vedi il post dedicato su questo stesso blog.

Per rendere l’Angers possono usarsi anche le ref. 8, 10, 34, 156.

L’Angers SCO fu fondata dai fratelli Fortin, amministratori della banca Crédit de l’Ouest, il 10 ottobre 1919 sotto il nome di Sporting Club du Crédit de l’Ouest (S.C.C.O.). La prima partita della società avvenne il 19 ottobre 1919 contro lo Stade Nantais U.C. (persa 2-1).

Lo Sporting Club de l’Ouest diventa un club professionistico durante la Liberazione (due anni dopo la conquista del titolo nel campionato dilettanti del 1943), militando in seconda divisione e attirando alcune stelle del calcio (Alfred Aston, André Simonyi e il giovane Raymond Kopa, futuro Pallone d’oro 1958). Nel 1956 conquista la promozione in prima divisione e vi rimane per oltre venti anni (1956-1981), con tre retrocessioni seguite da immediate promozioni, e una finale nella Coppa di Francia 1957. In quegli anni il club vantava nella rosa alcuni giocatori che militavano nella Nazionale di calcio della Francia, come Stéphane Bruey, Jean Deloffre, Jean-Pierre Dogliani e altri. Nei primi anni settanta l’Angers ha brillato nel campionato grazie alle giocate di Jean-Marc Guillou e Marc Berdoll. La squadra ha giocato due partite di Coppa UEFA (stagione 1972-1973) prima di tornare in seconda divisione nel 1980.

Dopo un’ulteriore partecipazione al campionato di prima divisione (1993-1994), l’Angers scivola fino alla terza divisione due anni dopo, per poi cadere nell’anonimato di un club regionale. Il club ha oscillato tra la terza e la seconda divisione per poi stabilirsi in quest’ultima negli anni dal 2007 al 2015. Proprio nel 2015 la squadra ha raggiunto la Ligue 1, 21 anni dopo averla lasciata. Nella prima stagione in massima serie ha raggiunto il terzo posto nel girone d’andata dietro Paris SG e Monaco, ma ha terminato al nono posto alla fine del campionato. Nelle stagioni seguenti (2016-2017 e 2017-2018) il club conclude due annate tranquille con un 12º ed un 14º posto.

(fonte: WIKIPEDIA)

Un saluto a Mariolino Corso #PlaySubbuteo #Subbuteo

E’ venuto a mancare questo grandissimo giocatore, che ho avuto la fortuna di veder giocare da ragazzino. Era uno dei miei preferiti, per la velocità, per le sue punizioni a foglia morta, per il suo essere mai “sopra le righe”. Sapeva giocare, gli bastava quello.

Lo saluto nel nome della ref. 58, dell’Internazionale, che ha amato e fatto vincere, con i suoi grandi compagni ed allenatori di allora.

Omaggio a Kayla #PlaySubbuteo #Subbuteo #NidoDeiRapaci

“We are deeply saddened to hear that Kayla has passed away. We will miss her sorely.”

Con queste parole ieri il team del Crystal Palace ha annunciato su Twitter la morte della sua mascotte, l’aquila Kayla che, come Olimpia per la Lazio e Victoria per il Benfica, volteggiava sullo stadio prima delle loro partite. “Dieci anni in rossoblu”, titola la foto.

Il Nido dei rapaci le rende omaggio.