Milan HW, ref. 57 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Altro lavoro dell’amico Mauro.

Osc Mortara è un Club ad altissima densità di tifosi Milanisti; ce ne sono veramente molti.

Ho sempre amato il Milan squadra subbuteo e da ragazzetto ne avevo uno bellissimo, (avevo anche Inter, Juventus e molte Italiane) un Milan fiammante in Hw ed anche il Daniele Zandon ne aveva uno uguale al mio ed era riuscito a schierare per tempo anche Joe Jordan. Il primo Milan che vidi lo ricordo così: ero poco più di un bambino e durante le vacanze estive a Pisogno arrivo’ il Nino di Milano con la famiglia (papa’ era un restauratore e fece dei lavori anche nella chiesa sconsacrata di San Dionigi o di Santa Veneranda a Mortara …non ricordo bene e grande campione enigmista, chiamato da tutti Zucchino , proprio per le capacità intellettive che racchiudeva all’interno della crapa pelata) e naturalmente arrivò con il Subbuteo, il Milan del quale era tifoso, Inter e Rapid Vienna. Gran via vai in quella terrazza dove c’erano numerose Dinky e Corgy Toys, lo Yellow Submarine dei Beatles ed anche tutti gli album 33 dei Beatles che giravano dalla mattina alla sera……il Nino era un geniaccio di 20 anni, amante dei giochi e delle novità e ricordo che guidava una piccola Daf 508 color senape. Quell’estate portò tutta una serie di ciclisti su bicicletta (miniature giocattolo) e si inventò un gioco da tavolo che rispecchiasse il Giro d’Italia. Ricordo una miniatura a braccia alzate con una divisa celeste con su scritto Salvarani.

Ho voluto riprodurlo il Milan, proprio per averne uno per me come ai tempi, dipinto con il rosso Humbrol 153 e nero 33. Le miniature sono le fantastiche T3 e portiere saracinesca Top Spin , mentre basi Hw replica classiche e inner sono della Replay.

Triestina HW, ref. 104 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Realizzata e presentata da Mauro Starone del Subbuteo Club Mortara.

TRIESTINA replica ref 104. La Triestina è la fidanzata calcistica d’Italia, una squadra amata indistintamente da nord a sud della nostra penisola. Innamorati degli Alabardati ne ho conosciuti molti, a partire dai grandi calciatori che ne hanno scritto le gesta Tiziano Ascagni e De Falco Franco che saluto calorosamente e grandi Amici del nostro Club , fino al mito di Nereo Rocco prima giocatore e poi allenatore dei Muli (a Nereo Rocco è dedicato lo stadio) . La Triestina è amore a prima vista lieve ma costante in tutta la Nazione; la Triestina è quando al lunedi passo dal bar a prendermi il caffè di prima mattina e sento i Cichin Sigaretta dire “te’ vust la Triestina duminca ? ” mi si apre il cuore; la Triestina è andare a giugno a Trieste con Stevchenko (Stefano Volpi) a far visita al nostro Pavel Zalar gran tifoso degli Alabardati e passare un’intera settimana a giocare a Subbuteo con il tradizionale torneo IL MARCOLITO; la Triestina è il mio papa’ anima bella, Juventino ma tifoso anche lui di questa squadra; la Triestina è quando quel fetentone del Carlo detto Urgion me l’ha fottuta davanti agli occhi nel 1980 (credo) nel negozio della Bambulon, dipingendo, una volta a casa, inner, pantaloni e calzette di rosso per avere un Liverpool.

La ref 104 Triestina l’ho riprodotta così come da catalogo però senza quell’enorme croce con la quale la liquidava il Subbuteo , ma stilizzando in Kent Style una alabardina all’altezza del cuore.

Per dipingere la Triestina ho adoperato il bel rosso humbrol 153 con miniature T3 e portiere saracinesca Top Spin, basi replica HW classica Replay ed inner della medesima ditta.

BUON SUBBUTEO A TUTTI