Subbuteo in cameretta, Tractor Boys & Cobblers #PlaySubbuteo #Subbuteo

Eventi rimandati, tornei annullati, ed ecco che il Subbuteo torna alla dimensione con cui è iniziato, quello della cameretta, o, se preferite, quello dell’elegante gioco da salotto.

Nel mio caso elegantissimo, grazie all’elegantissima tavola di quercia, opera delle sapienti di Gareth e di FlickForKicks.

Si affrontano stamani i Tractor Boys, ovvero l’Ipswich Town, ref. 17, ed i Cobblers, alias Northampton Town, ref. 61.

Il simbolo dell’Ipswich Town Football Club è composto da uno “scudo” contenente un cavallo bianco da tiro, il “Suffolk Punch” una razza locale di cavallo, e la dicitura del club. Fu adottato nel 1972 a seguito di un concorso e nel tempo ha avuto vari restyling mantenendo sempre la stessa conformazione a “scudo merlato” (come le torri medioevali) con la tonalità di blu preminente alternato dal giallo oro o dal rosso. L’unico cambiamento grafico consiste nella resa grafica del cavallo, reso più somigliante al Suffolk Punch.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Precedentemente il simbolo della squadra consisteva nello stemma della città di Ipswich, uno scudo contenente nella parte superiore lettere gotiche ed un vascello stilizzato (Ipswich è una “città-porto”) con al centro un elmo medioevale ed un secondo scudo diviso compositivamente in due campi, metà contenente un leone rampante e nell’altra metà con tre porzioni di navi, il tutto fiancheggiati da due cavallucci marini, fu riportato nelle maglie dal 1933 al 1957. Dal 1965 la parte centrale dello stemma (il leone e le navi) venne riportato nelle maglie fino al 1972.

La città di Northampton giace sulle rive del fiume Nene ed é situata a circa 108 km a nord-ovest di Londra e a circa 80 km a sud-est di Birmingham. Ha una popolazione di 212.100 abitanti.
Tracce archeologiche di insediamenti nella zona risalgono all’ Età del Bronzo e in epoca Romana e Anglo-Sassone. Durante il Medioevo, Northampton accrebbe la propria importanza mediante la costruzione del “Northampton Castle”, dimora reale occasionale e sede del Parlamento di Inghilterra.
Il legame tra Northampton e la Corona si incrinò in epoca moderna, quando la città supportò il Parlamento (Roundheads), durante la Guerra Civile Inglese, culminata con l’ ordine di Re Carlo II di distruggere le mura cittadine e la maggior parte dei castelli.
Nel 1675, Northampton subì un gravissimo incendio, ricordato come il “Grande incendio di Northampton”, che distrusse gran parte della città, la quale, tuttavia, fu prontamente ricostruita e crebbe velocemente, durante lo sviluppo industriale del XVIII secolo.
La città continuò a crescere, grazie alla creazione del “Grand Union Canal” e l’ arrivo della ferrovia, nel XIX secolo, divenendo, così, centro industriale per la produzione di scarpe e per la lavorazione del cuoio.
In seguito alle due Guerre Mondiali, la crescita della città rallentò, fino alla designazione dello stato di “New Town”, nel 1968.
Come nel resto del Regno Unito, i complessi industriali hanno lasciato il posto allo sviluppo nell’ ambito della Pubblica Amministrazione e in quello di servizi finanziari e della distribuzione.

Il Subbuteista misterioso, detto anche “lo Scarparo” per come gioca, con i Cobblers o con altro!
In campo. Tavola e porte FlickForKicks, miniature Santiago HW, pallina TopSpin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *