Mestre/Mestrina HW 1963/1964 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Realizzata per il sottoscritto da Max di Monsummano (CalcioGhibellino). Materiali Replay e colori Humbrol.

Subbuteo replica Mestre/Mestrina campionato 1963/64 su materiali Replay.

Le prime maglie della compagine mestrina furono granata e dettero origine al soprannome de ” il piccolo Torino”. Le casacche mutarono con l’arancione soltanto alla fine della seconda guerra mondiale.
In quel periodo l’unica sartoria della zona non aveva a sufficienza una fornitura del tessuto granata, quindi si ripiego’ su una giacenza di tessuto arancione presente in deposito.
L’arancione e’ cosi’ rimasto come il colore principale della squadra soprattutto dopo che l’US Mestrina arrivo’ a disputare il suo primo campionato di serie B nella stagione 1946/47 .
Nel campionato 1963/64 sulla maglia arancione comparve la banda orizzontale bianca.
Riferimenti storici e dati dal libro I Colori del Calcio Storia e Passione.

L’Associazione Calcio Mestre S.r.l. (meglio nota come AC Mestre o semplicemente Mestre), è una società calcistica italiana con sede nel comune di Venezia, in località Mestre.

Fondata nel 1927 (sebbene la sua nascita sia fatta risalire tradizionalmente al 1929) con la denominazione Unione Sportiva Mestrina è stata successivamente più volte rifondata.

La squadra ha partecipato ad un totale di 27 stagioni nella terza categoria nazionale, l’ultima delle quali nella stagione 2017-2018.

Nella stagione 2019-2020 milita in Serie D, quarto livello del campionato italiano di calcio.

(fonte: Wikipedia)

Calcio Mestre 1983

All’atto della fondazione dell’Unione Sportiva Mestrina, nel 1927, essa adottò come colore sociale il granata, che rimase in uso fino allo scoppio della seconda guerra mondiale. A conflitto concluso, non essendo più disponibili a Mestre maglie di colore granata, la dirigenza societaria optò per l’adozione di casacche color arancione, tonalità che tra quelle disponibili si avvicinava maggiormente al colore originario.

L’adozione delle nuove divise (abbinate di norma a pantaloncini neri) coincise con un periodo di successo per il Mestre, che nel 1946 conquistò la promozione in Serie B: la dirigenza decise pertanto di mantenere l’arancio-nero come colore identitario.

Subbuteisticamente parlando, tra il 1927 ed il 1945 il Mestre giocò come una ref. 27 (Heart of Midlothian nel catalogo Subbuteo) o come una ref. 99 (Torino, Metz, Arbroath nel catalogo Subbuteo).

Ref. 27
Ref. 99

Storicamente lo stemma sociale del Mestre è costituito da uno scudo color arancione, contenente uno scudetto crociato con corona turrita (evocante lo stemma araldico di Mestre e la torre civica, simbolo del centro urbano) e la denominazione sociale, declinata negli anni con varie sigle e differenti caratteri tipografici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *