Club Nacional de Football HW, ref. 302 #PlaySubbuteo #Subbuteo

La ref. 1 dei coloured! In realtà la squadra è detta dei tricolori, i tre colori sono bianco, rosso e blu. Il rosso di solito predomina nella seconda maglia. Ma la Subbuteo l’ha riprodotta così. I fabbricanti di repliche moderne invece si sbizzariscono.

Nacional 1901 di Astrobase
Nacional 1930 Astrobase

Il Club Nacional de Football, noto semplicemente come Nacional, è una società polisportiva di Montevideo (Uruguay), fondata il 14 maggio 1899, dopo la fusione, su iniziativa di studenti universitari, fra l’Uruguay Athletic Club, la cui sede era a La Unión, ed il Montevideo Football Club.

Il calcio maschile è la sezione principale della polisportiva, ed ha guadagnato importanti risultati a livello nazionale e internazionale. Il club ha vinto la Coppa Libertadores tre volte: 1971, 1980 e 1988. Negli stessi anni ha vinto anche la Coppa Intercontinentale, diventando la prima squadra a vincere il titolo mondiale tre volte (e senza perdere mai la finale) e la prima in assoluto a vincere l’Intercontinentale a Tokyo. In Uruguay è l’unico club ad aver vinto la Coppa Interamericana (nel 1972 e 1989), e la Recopa Sudamericana, competizione in cui è stato il primo campione della storia, vincendo l’edizione 1989.

A livello nazionale, ha ottenuto 46 volte il titolo di campione del Campionato Uruguaiano. Ha sempre mantenuta la massima categoria sin dal suo debutto nel 1901, ha raggiunto un record di undici campionati come dilettanti, e 35 dall’inizio del professionismo. Oltre ai 46 campionati uruguaiani, è il club che ha vinto più titoli organizzati dalla AUF. In totale conta 155 titoli ufficiali, di cui 134 sono i titoli nazionali e 21 internazionali. Come titoli internazionali 9 sono i titoli ufficiali CONMEBOL e FIFA, e 12 quelli ottenuti nei tornei organizzati dalla AFA e AUF all’inizio del XX secolo, questi numeri ne fanno il club uruguaiano con più titoli internazionali. Inoltre, secondo l’IFFHS è la migliore squadra del XXI secolo (2001-2012) in Uruguay, e la decima del continente sudamericano.

Si identifica con i colori bianco, blu e rosso, presi dalla Bandiera di Artigas. A volte è usato lo stadio del Centenario, ma svolge la maggior parte delle sue partite casalinghe allo stadio Gran Parque Central, situato nel La Blanqueada e popolarmente conosciuto come ‘El Parque’, dove il 13 luglio 1930 Belgio e gli Stati Uniti hanno avuto una delle prime due partite nella storia del Campionato del Mondo. Inoltre, ha ospitato le edizioni del 1923 e del 1924 della Coppa America.

Tra i più antichi club dell’Uruguay, ne è anche la società più blasonata dopo il Peñarol, da cui è separato da una grande rivalità sportiva.

(fonte: Wikipedia)

La bandiera di Artigas è uno dei simboli nazionali della Repubblica Orientale dell’Uruguay; fu dichiarata tale da un decreto del 18 febbraio del 1952. Per disposizione di legge, deve avere le stesse proporzioni della bandiera dell’Uruguay.

La bandiera di Artigas identifica e fa onore alla figura del “Prócer” della Patria, José Gervasio Artigas. È costituita da tre frange orizzontali della stessa larghezza, con la superiore e inferiore di colore blu e quella centrale bianca. Sono attraversate diagonalmente da una banda rossa di uguale larghezza delle anteriori, che parte dall’angolo in alto vicino all’asta e termina nell’angolo inferiore opposto.

CLUB NACIONAL DE FOOTBALL DE MONTEVIDEO – Montevideo, Uruguay – Temporada 1952-53 – Peñalva, Carballo, Santamaría, Holdoway, W. González, A. Paz y Cruz; Souto, Ambrois, Héctor Rial, J. Pérez y Enrico – El Nacional fue el ganador de la 1ª Copa Montevideo, jugada en febrero de 1953 en el estadio Centenario, precursora de la Copa Libertadores. En ella se impuso a equipos como el Colo Colo, Austria de Viena, Peñarol, Botafogo, Fluminense, etc
Nacional 1971/1972
CLUB NACIONAL DE FOOTBALL DE MONTEVIDEO – Montevideo, Uruguay – Temporada 1980-81 – Plantilla del Nacional de Montevideo, que fue el ganador de la Liga de Uruguay de 1980, de la Libertadores y de la Copa Intercontinental, posando con dichos trofeos
Nacional 1988

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *