Club Atlético Peñarol HW, ref. 301 o ref. 528 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Colore della pelle a parte, un clone della ref. 30, anche per quanto riguarda i colori più diffusi dell’abbinamento Inner (giallo) e outer (nero).

Ref. 301 HW
Ref. 30 HW

Il Club Atlético Peñarol, noto come Peñarol, è una società calcistica di Montevideo, in Uruguay. Fu fondata il 28 settembre 1891 col nome di Central Uruguay Railway Cricket Club (CURCC), che mantenne fino al 13 dicembre 1913, quando cambiò denominazione in Club Atlético Peñarol in onore alla città italiana di Pinerolo perché tra i soci fondatori molti erano di origine piemontese come José Pedro Damiani, Washington Cataldi e Gastón Guelfi, che poi assunsero il ruolo di presidente della società sportiva alternandosi tra loro. Lo stesso nome, Peñarol, ricalca quello di un quartiere di Montevideo, sorto attorno ai possedimenti di Giovan Battista Crosa, pinerolese e maestro della corale che nel 1770 venne chiamato in Uruguay dove fece fortuna.

Nelle sue file militarono campioni come José Piendibene, Alcides Ghiggia, Juan Alberto Schiaffino, Julio César Abbadie, Raffaele Sansone, Obdulio Varela, Roque Máspoli, Luis Cubilla, Ladislao Mazurkiewicz, Óscar Míguez, Juan Carlos González, Paolo Montero, Diego Forlan e Marcelo Zalayeta.

Nel suo palmarès si contano 52 campionati uruguaiani (l’ultimo nella stagione 2018), di cui 5 vinti come CURCC, 12 Liguillas, 5 Coppe Libertadores e 3 Coppe Intercontinentali, titoli che rendono il Peñarol la più titolata squadra uruguaiana. Il club è stato incoronato miglior del XX secolo in Sudamerica dall’IFFHS, istituto riconosciuto e autorizzato dalla FIFA, il 17 settembre 2009.

È nel ristretto club delle otto squadre al mondo che siano riuscite a centrare in due occasioni, nel 1961 e nel 1982, il Treble composto dai 3 titoli di campione del proprio paese, del continente e del mondo. Ci sono riuscite anche Santos (1962 e 1963), il classico rivale, Nacional Montevideo (1971 e 1980), Ajax (1972 e 1995), Boca Juniors (2000 e 2003), Manchester United (1999 e 2008), Inter (2010) e Barcellona (2009, 2011 e 2015).

(fonte: Wikipedia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *