Lazio 1900, Walker Moulded #PlaySubbuteo #Subbuteo

Un lavoro semplicemente bellissimo. Semplice, bellissimo e pulito sono degli aggettivi perfetti per indicare il lavoro di Alex Rota. Tutto di pennello, pulitissimo, fedele a tinte e colori originali. E tutto sempre su materiale originale.

Con questa squadra ho giocato spesso. Oltre alla Lazio ci ho reso l’Old Etonianns, vincitrice di due Coppe d’Inghilterra della prima ora, oggi nel circuito del calcio amatoriale britannico.

L’Old Etonians Football Club è una squadra di calcio inglese i quali calciatori sono ex studenti dell’Eton College, ad Eton, Berkshire. Fondati da Lord Kinnaird, furono l’ultimo club amatoriale a vincere la FA Cup il 25 settembre 1882 battendo il Blackburn Rovers per 1-0 al The Oval. L’anno seguente persero nei minuti di recupero per 2-1 contro un’altra squadra di Blackburn, il Blackburn Olympic. Complessivamente hanno raggiunto la finale 6 volte in 9 anni tra il 1875 ed il 1883, vincendo due volte. Molti suoi giocatori hanno giocato per la nazionale inglese. Attualmente l’Old Etonians fa parte della Amateur Football Alliance e tre dei suoi team partecipano alla Arthurian League.

(fonte: Wikipedia)

Honved Budapest ,Walker Moulded #PlaySubbuteo #Subbuteo

Altro bellissimo lavoro, sempre di Alex Rota.

Honved Golden Team 1953

Il Budapest Honvéd Football Club (dall’ungherese: honvéd, «difensore della patria»), noto a livello internazionale semplicemente come Honvéd (/ˈhonveːd/), è una società polisportiva ungherese con sede a Budapest. La sua squadra di calcio milita nella Nemzeti Bajnokság I, la massima serie del campionato ungherese, a cui ha preso parte pressoché stabilmente sin dall’esordio nel 1916, eccezione fatta per la stagione 2003-04. Il club è stato fondato nel 1909 con il nome di Kispest Athlétikai Club, mutuato da quello dell’omonimo sobborgo che si trovava appena fuori Budapest fino al 1950. Da allora, Kispest è stato inglobato dalla città e fa parte del Distretto XIX di Budapest. Quando fu fondato il club prese la forma di polisportiva ed esistevano squadre di atletica, boxe, ciclismo, ginnastica, lotta, scherma e tennis. Successivamente nacquero le divisioni di pallanuoto e pallamano. Il nome Honvéd fu scelto nei primi anni cinquanta, quando il club era diretto dal ministero della difesa ungherese. Era la squadra dell’esercito magiaro (ai tempi dell’Impero austro-ungarico Honvéd era il nome dell’esercito ungherese). Nel 1991 il club fu rinominato Kispest Honvéd Football Club e nel 2003 adottò il nome attuale.

(fonte: Wikipedia)

Honved Budapest dipinto da Fabrizio “Memorabilia”

Partick Thistle HW, ref. 29 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Ancora una ref. a cerchi, a hoops, stavolta gialli e rossi. E ancora una ref. dedicata al Partick, già “uscito” sulla ruota delle ref. al numero 23. Possiedo questa ref. in versione replica di TopSpin.

I colori sociali del Partick Thistle sono il giallo e il rosso. Tuttavia, all’inizio della loro storia, gli Jags (punte, sporgenze) utilizzarono divise prevalentemente blu con dettagli biancorossi. Dopo il 1900, per un breve periodo, la squadra indossò divise nero-arancio a strisce verticali, infine nel 1905 fu adottata una divisa blu e amaranto simile a quella usata dall’Aston Villa. Nel 1909 venne nuovamente utilizzata la divisa blu e questa rimase la maglia ufficiale sino alla stagione 1936-1937, quando fu introdotta la combinazione di colori giallo-rosso-nera ancora oggi in voga. Questo cambiamento fu dovuto all’influenza del locale West of Scotland Football Club, una squadra di rugby che utilizzava divise giallo-rosso-nere. L’unico cambiamento intervenuto da quella data ad oggi risale al 2009 quando, per celebrare il centenario del trasferimento a Firhill, fu utilizzata una divisa interamente blu. Negli anni recenti le divise sono generalmente a strisce verticali gialle e rosse, con colletto e calzoncini neri, e calzettoni anch’essi a strisce gialle e rosse.

Il simbolo per eccellenza del club è un cardo (in inglese thistle), che compare in ogni stemma sociale sin dal 1902. Una seconda versione dello stemma, datata 1909, è stata usata sino al 1978, quando venne rivisto con l’inserimento del cardo in una coccarda. Nel 1990 fu introdotto il disegno con un cardo in un rettangolo di fattura più moderna, rimpiazzato nel 2008 dall’attuale logo.

Presente anche nella collezione Subbuteo Vintage Edition con il kit del Bradford City 2012/2013.

BRADFORD CITY 2012-2013, finalista League Cup
Inner rosso, outer giallo – Centauria Box

Il Bradford City Association Football Club (noto anche come The Bantams, e in precedenza The Paraders), meglio noto come Bradford City, è una società calcistica inglese con sede a Bradford, West Yorkshire. Nella stagione 2019-2020 milita in Football League Two, quarta serie del campionato inglese di calcio. La squadra gioca le proprie partite casalinghe al Valley Parade.

Norwich City HW, ref. 28 #PlaySubbuteo #Subbuteo

La ref. 28 la possiedo nella mia collezione originale HW ma, francamente, ci ho sempre giocato poco. Sia da bambino che da adulto, perchè l’accoppiata di colore gialloverde mi è sempre piaciuta molto poco.

Il club ha il soprannome The Canaries. Indovinate perchè, è facile!

Presenta diverse varianti. Con o senza trim, con o senza le bande colorate laterali gialle sui pantaloncini verdi, con o senza il risvolto colorato dei calzettoni e chissà che altro.

La possiedo anche nella collana Subbuteo Vintage Edition con il kit del 1984/1985 con cui vinse la Coppa di Lega inglese.

NORWICH CITY 1984-1985, vincitore League Cup
(simil ref. 28) – Inner verde, outer giallo – Centauria Box

Il Norwich City Football Club (pron. ˈnɒrɪdʒ ˈsɪti), noto semplicemente come Norwich City, è una società calcistica inglese con sede a Norwich, militante in Championship, la seconda serie del calcio inglese. Il club è stato fondato nel 1902 ed è stato promosso per la prima volta nella First Division nel 1972, e da lì ha giocato 21 stagioni nella massima divisione inglese, con il periodo consecutivo più lungo di 9 anni. La squadra ha inoltre vinto la League Cup due volte, nel 1962 e nel 1985. Dal 1935, la squadra gioca le proprie partite casalinghe al Carrow Road ed ha una lunga e agguerrita rivalità con i vicini dell’Ipswich Town, con i quali ha disputa l’East Anglian derby.
(fonte: Wikipedia)

Altre possibili squadre da rendere con la ref. 28 sono la nazionale di Australia, gli olandesi del Fortuna Sittard ed i francesi del Nantes.

Ref. 28 Replica HW di Astrobase

Heart of Midlothian HW, ref. 27 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Un altra nobile del calcio scozzese. Se l’Old Firm divide Glasgow, Edimburgo è divisa tra gli Hearts (The Maroons) e gli Hibs, i giocatori e i tifosi dell’Hibernian (ref. 45). Ho questa ref. in versione originale HW e ne ho un’altra, sempre su HW, che è una vera opera d’arte, realizzata da Ettore70.

Il catalogo di Celtic Dream dice: Hearts, Arbroath, Stenhousemuir.

Il catalogo LW aggiunge Arezzo, Livorno e Reggina (Italia), Burnely, Northampton Town, Walsall e York (England), Metz e Montpellier Paillade (Francia).

L’Heart of Midlothian Football Club, spesso abbreviato in Hearts, è una società calcistica scozzese con sede nella città di Edimburgo, militante in Scottish Premiership, massimo livello del calcio scozzese. È la terza squadra più tifata di Scozia, nonché una delle più titolate, con quattro campionati scozzesi e dodici coppe nazionali. Le prime informazioni sugli Hearts ci arrivano il 20 luglio 1864 dal giornale The Scotsman, che registra una partita di Cricket tra gli Hearts of Midlothian e lo Scotsman, appunto. Non si sa se però il giornale si riferisse proprio agli Hearts attuali, anche se allora le squadre calcistiche non raramente giocavano altri sport. La sezione calcistica fu ufficialmente fondata nel 1874. Il nome deriva da quello della sala da ballo dove venne fondato il club (che a sua volta riprendeva quello di una celebre novella di Walter Scott) mentre lo stemma rappresenta un mosaico della cattedrale di Edimburgo, che indicherebbe il centro geografico della regione scozzese del Lothian. Lo stadio di Tynecastle fu utilizzato solo dal 1886.

L’Arbroath Football Club, meglio noto come Arbroath, è una società calcistica scozzese con sede nella città di Arbroath. Milita nella Scottish League Two, la quarta divisione del campionato scozzese. Il 12 settembre 1885, l’Arbroath vinse per 36-0 contro il Bon Accord in Scottish Cup, entrando nella storia del calcio come partita con più gol. Per coincidenza, poco prima della partita, il Dundee Harp aveva battuto l’Aberdeen Rovers per 35-0, sempre in Scottish Cup.

Lo Stenhousemuir Football Club è una società calcistica con sede a Stenhousemuir, in Scozia. Milita in Scottish Second Division, la terza divisione del calcio scozzese.

(fonte: Wikipedia)

Photo from Subbuteo Lab

La collana Subbuteo Vintage Edition aggiunge la Dynamo Berlin 1987/1988.

DYNAMO BERLIN 1987-1988, Campione della Germania Est
(vedi ref. 27) – Inner burgundy, outer burgundy – Centauria Box

La Berliner Fußballclub Dynamo e.V. (abbreviato BFC Dynamo e conosciuta comunemente in Italia con la denominazione di Dynamo Berlino o Dinamo) è una società calcistica di Berlino. Fondata nel 1953 e rifondata nel 1966 (allorché divenne di proprietà della Stasi), è stata una delle principali squadre di calcio della Germania Est: nel suo palmarès figurano dieci titoli nazionali consecutivi vinti tra il 1978 e il 1988 (record assoluto per la DDR-Oberliga).
Dal punto di vista delle competizioni internazionali, ha raggiunto i quarti di finale della Coppa dei Campioni nelle edizioni 1979-80 e 1983-84, quando fu eliminata rispettivamente dal Nottingham Forest e dalla Roma.
Dopo la riunificazione della Germania, la squadra è lentamente sprofondata nelle serie inferiori, anche a causa di diverse crisi societarie. Dal 2014 milita in Regionalliga Nordost (uno dei gironi di quarta serie del calcio tedesco) dopo essere anche precipitata in NOFV-Oberliga.

Celtic Glasgow HW, ref. 25 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Pensatela come vi pare, ma, non so perchè, secondo me gli hoops bianchi e verdi del Celtic ne fanno la maglia più bella del mondo. E, considerando che, quando c’è l’Old Firm, ossia il derby con i Rangers, io tifo per i Blues, la mia povera opinione forse vale ancora di più.

Ho questa ref. sia in versione originale HW, anni Settanta, sia in versione replica Top Spin. Ma ce l’ho anche con le basi piatte per il Calcio da Tavolo moderno, e ho regalato ad almeno tre persone che volevano iniziare a giocare proprio questa ref.

Lo so, di maglie belle ce ne sono tante, eppure io resto ogni volta incantato quando la vedo…

Presente anche nella Subbuteo Vintage Edition con il kit della stagione 1969/1970.

CELTIC GLASGOW 1969-1970, Campione di Scozia, Vincitore Scottish League Cup, finalista Coppa dei Campioni
(vedi ref. 25) – Inner bianco, outer verde – Centauria Box

Ref. 25 su basi ACM di Alex Rota
Ref. 25, variante calzoncino verde di Alex Rota

Altro club che usa questo kit, gli irlandesi dello Shamrock Rovers.

Banner realizzato da me, se volete usatelo pure…

The Celtic Football Club, noto più semplicemente come Celtic (/sɛltɪk/) è una società calcistica britannica di Glasgow affiliata alla federazione calcistica scozzese, nella cui prima divisione milita dal 1888, anno della sua fondazione. Il Celtic è l’unico club scozzese ad avere sempre disputato la Scottish Premiership sin dalla sua istituzione (1890-91) e, insieme all’Aberdeen, a non essere mai retrocesso. Fino al 1994 la ragione sociale del club era The Celtic Football and Athletic Company Ltd. I giocatori del Celtic vengono soprannominati The Bhoys.Insieme ai rivali storici dei Rangers forma la cosiddetta Old Firm del calcio scozzese, una delle più forti ed accese rivalità sportive di tutti i tempi. Il Celtic viene tradizionalmente associato alla comunità cattolica di Glasgow (ha anche un nutritissimo seguito tra i tifosi irlandesi), mentre i Rangers rappresentano la parte protestante.

La divisa del Celtic ha percorso la stessa evoluzione dello stemma, ovvero di autentica e immutabile tradizione, se non per gli albori. A parte infatti l’anno della fondazione, nel quale la squadra si presume abbia giocato in camicia bianca con colletto verde e pantaloncini neri, e il primo decennio in cui le divise erano a strisce verticali bianco-verdi, i giocatori del Celtic indossano la stessa tenuta dal 1903, quindi da più di 115 anni, ovvero una maglia bianca con strisce orizzontali verdi (i famosi Hoops), pantaloncini bianchi e calzettoni altrettanto bianchi; la tenuta non è mai cambiata con l’avanzare delle stagioni se non per qualche dettaglio poco rilevante a livello visivo.

Celtic’s Lisbon Lions

«Abbiamo vinto meritatamente, ce l’abbiamo fatta giocando a calcio. Puro, bello, calcio fantasioso.» (Jock Stein, allenatore dei Lisbon Lions.)

Lisbon Lions (“Leoni di Lisbona”) è l’appellativo con cui è nota la squadra del Celtic che vinse la Coppa dei Campioni 1966-1967 all’Estádio Nacional di Lisbona, in Portogallo. Il 25 maggio 1967 il Celtic sconfisse in finale l’Inter col risultato di 2 a 1 davanti a 56.000 spettatori. Tutti i componenti della squadra erano scozzesi e nacquero entro 30 miglia (48 km) da Glasgow; inoltre essi erano provenienti dal vivaio biancoverde.

La divisa casalinga del Celtic, specialmente nel periodo classico del calcio di metà XX secolo, quando nel resto d’Europa le tenute di gara erano piuttosto spartane e spesso ripetitive, era un autentico simbolo identificativo. Altra peculiarità tipica del Celtic era la numerazione delle maglie, che non è esistita fino al 1994. I numeri erano stampati, molto grandi, sopra i pantaloncini sia davanti che dietro (emblematici i filmati di repertorio in cui si vedono gli arbitri che per ammonire od espellere il giocatore, invece di guardare la schiena per scrivere il numero, guarda i pantaloncini). Molte squadre si sono rifatte alla squadra scozzese per il loro look, come ad esempio i nordirlandesi del Belfast Celtic, o ancora gli spagnoli del Betis Siviglia o la squadra italiana Almas Roma.

Lo Shamrock Rovers Football Club (in gaelico: Cumann Peile Ruagairí na Seamróige), meglio noto come Shamrock Rovers, è una società calcistica irlandese con sede nella città di Dublino. Milita in League of Ireland Premier Division, massima divisione del campionato di calcio irlandese. È il club più titolato d’Irlanda, avendo conquistato 17 campionati e 24 coppe nazionali. Nel corso della sua storia ha preso parte molte volte alle competizioni europee. I colori sociali sono il verde ed il bianco, mentre il simbolo è lo shamrock, tipico trifoglio irlandese. La squadra indossa completi a strisce orizzontali bianco-verdi, non ripresi dal Celtic, ma da un’antica squadra di Belfast, i Belfast Celtic, che donarono un kit di maglie agli Shamrock Rovers dopo un’amichevole tenutasi nel 1920. I soprannomi più diffusi sono The Hoops e Rovers.

(fonte: Wikipedia)

Gordon Banks, rest in peace! #Subbuteo

È morto Gordon Banks, il portiere dell’unico titolo mondiale dell’Inghilterra, quello in casa nel 1966. Aveva 81 anni, è stato il miglior portiere inglese di tutti i tempi e uno dei più forti di sempre a livello mondiale. In passato ha giocato con il Chesterfield, il Leicester City, lo Stoke City e poi era emigrato negli Stati Uniti per giocare con il Fort Lauderdale. L’annuncio della morte è stato dato dallo Stoke. Ha collezionato 73 presenze con i Tre Leoni, mentre a livello di club ha vinto la Coppa di Lega prima col Leicester, dove ha giocato dal ’59 al ’67, e poi con lo Stoke, dove è rimasto fino al termine della carriera.


La storia di questa parata, su Storie di Calcio

Queen’s Park HW, ref. 24 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Ludere causa ludendi. Giocare per il gusto di giocare. La prima cosa che mi viene in mente di questa squadra, prima ancora che i suoi cerchi, i suoi hoops bianchi e neri è il suo motto. Perchè è anche il mio. A Subbuteo (ma non solo) io gioco per il gusto di giocare. Se vinco (ma quando mai?) sono contento, altrimenti sono contento lo stesso. Come spesso dico ho il tasso di agonismo di un bradipo. E penso che, se un bradipo giocasse a Subbuteo, lo farebbe con la mia stessa calma…

Possiedo questa ref. solo in originale, in scatola corta (short box).

Il catalogo LW ripreso dal belissimo lavoro di Alessio Lupi riporta altre squadre.

L’Ayr United, scozzese, ha usato questo kit dal 1914 al 1937 (anche con calzoncini neri), dal 1963 al 1968, nel 2016/2017. Gli inglesi del Darlington l’ultima volta nel 2010/2011 (prima spesso con i calzoncini neri). Il Dundee United (esatto, quelli conosciuti come Tangerines, scozzesi) dal 1930 al 1950. Il passaggio all’arancione/arancio e nero è del 1969. L’East Stirlingshire, sempre scozzese, ha usato un kit identico nel 2010/2011. Sono hoops bianconeri anche loro ma solitamente prediligono i calzoncini neri. Hanno una ref. dedicata nel catalogo Subbuteo, la ref. 180, con calzoncini neri e calzettoni rossi.

Il Queen’s Park Football Club è una società calcistica scozzese con sede nella città di Glasgow. Fondata nel 1867, è la più antica squadra di calcio scozzese. Oggi milita in Scottish Third Division, la quarta serie del calcio scozzese. Gioca le partite interne nel glorioso stadio di Hampden Park, condividendo la “casa” con la nazionale. La squadra è nota per essere l’unica società amatoriale in tutto il sistema calcistico scozzese; non a caso, il loro motto, in latino, recita: “Ludere Causa Ludendi” (“Giocare per il gusto del gioco”). Nella sua storia ha vinto ben dieci edizioni della Coppa di Scozia, anche se l’ultima di esse risale al 1893; in tale manifestazione la società è la terza più titolata in assoluto alle spalle di Rangers e Celtic, inoltre ha raggiunto, nel 1884 e nel 1885, la finale di FA Cup, venendo battuta entrambe le volte dal Blackburn. Pur avendo sede a Glasgow, difficilmente gioca il derby con le altre due ben più titolate squadre della città, non giocando nel massimo campionato nazionale; tuttavia, con la recente relegazione dei Rangers nella quarta divisione scozzese, il Queen’s Park ha potuto nuovamente disputare quello che è stato soprannominato “Il derby originale di Glasgow”, dato che le due squadre si affrontarono per la prima volta nel 1879, nove anni prima del primo Old Firm.

(fonte: Wikipedia)

Ref. 24 HW – Variante calzoncini neri

Partick Thistle HW, ref. 23 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Questa ref. la possiedo in versione replica Santiago. La tengo in una scatoletta Zeugo HW di Astrobase perchè la scatola originale si è rotta. Il catalogo recita Partick Thistle (che ha diverse altre ref. di riferimento) e Bradford City (idem). A me fa venire in mente una maglia da trasferta usata dalla Roma negli anni Settanta. Un pugno in un occhio in realtà, ma a me bambino piaceva…

Potete aggiungere le italianissime Benevento, Giulianova e Lecce (tutte usano anche i calzoncini rossi in abbinata alla maglia palata giallorossa) e Mechelen/Malines (Belgio), oltre che i francesi del Lens, famosi in Italia per un 6-0 rifilato alla Lazio nel 1977.

Il Partick Thistle Football Club, meglio noto come Partick Thistle o solamente Thistle, è una società calcistica scozzese con sede a Glasgow. Milita in Scottish Championship, la seconda divisione del campionato scozzese di calcio. Malgrado il nome, il club ha sede a Maryhill, nel nord-est della città, e non più a Partick, dove giocò dal 1876 al 1908. È nota come la “terza squadra” di Glasgow, dopo i più famosi Celtic e Rangers. Nel suo palmarès c’è una Scottish Cup e una Scottish Challenge Cup.

Il Bradford City Association Football Club (noto anche come The Bantams, e in precedenza The Paraders), meglio noto come Bradford City, è una società calcistica inglese con sede a Bradford, West Yorkshire. La squadra gioca le proprie partite casalinghe al Valley Parade.

(fonte: Wikipedia)

Una formazione del Lecce anni Settanta
Benevento 2014/2015

Nel 2020/2021 torna allo stile ref. 23 anche il Partick Thistle. Ma a mio parere il risultato lascia parecchie perplessità..