Blackpool HW&Hybrid, ref. 13 #PlaySubbuteo #Subbuteo

L’arancio non è un colore facilissimo da abbinare, ma è molto vivace. Quindi ha avuto una discreta fortuna nelle maglie calcistiche. La ref. 13 nasce come Blackpool nel catalogo Subbuteo, ma noi ragazzini nel 1973 e 1974 ci innamorammo tutti, chi più, chi meno, del calcio totale che veniva dai Paesi Bassi, per cui l’Olanda divenne la scelta preferita per chi possedeva questa ref.

Però il Blackpool era conosciuto, grazie al torneo Anglo Italiano. La Roma vinse il torneo proprio battendo il Blackpool in finale, il 24 giugno 1972 per 3-1 (gol di Cappellini, Scaratti e Zigoni per i giallorossi e di Alcock per gli arancioni).

Il catalogo Celtic Dream riporta infatti Blackpool, Holland. Il catalogo LW di Lupi aggiunge il Volendam (Olanda), il Newport County (Galles) e l’Halifax Town (England).

Nella mia collezione la possiedo in versione Hybrid. Per dirla in breve, dopo le HW uscirono delle miniature definite Zombie (il nome la dice tutta), con innesto a tondino e non più a barretta. Non piacquero e su alcuni mercati vennero prodotte queste Hybrid, sempre con innesto a piolo, ma con una figura più simile (secondo il produttore!) alle HW. Nemmeno queste piacquero granchè. Le LW rimpiazzarono Zombie ed Hybrid con la massima facilità.

Il Blackpool Football Club, meglio noto semplicemente come Blackpool, è una società calcistica inglese con sede a Blackpool, nell’Inghilterra nord-occidentale. militante nella League One (terza divisione inglese).
Il risultato più prestigioso dei Tangerines (mandarini) resta la vittoria nella FA Cup del 1953, trascinata da uno dei giocatori più emblematici dell’epoca, Stanley Matthews, il primo giocatore a vincere il Pallone d’Oro.
(fonte: Wikipedia)

Blackpool FC 1964

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *