Il Subbuteo a Cecalocco! #PlaySubbuteo #Subbuteo

Una volta ricordo che si diceva a noi maschietti, alla romana, che se facevi certe cose, “te se cecavano l’occhi”. Ma questo non aveva nulla a che vedere con il Subbuteo.

Quello si che gli occhi ce li prendeva, e tutti. E non solo quelli, le mani, le piedi, la vista, il tatto, “tutto il cocuzzaro”.

Ma il Cecalocco del titolo è una tra le più antiche frazioni di Terni, di solito si trova nei documenti o nelle guide affiancata a Battiferro (non è un caso che poi Terni è diventata la patria delle celeberrime acciaierie…, a forza di batterlo).

Sono frazioni poco popolate ormai e poco conosciute, ma che mantengono un certo fascino. A Cecalocco è purtroppo in rovina l’antica chiesa di San Giovenale, costruita tra il XII ed il XIII secolo.

Chiesa di San Giovenale a Cecalocco – vedi anche le altre foto, di Silvio Sorcini

Per nulla in rovina a Cecalocco, invece, il nostro gioco preferito, grazie al nostro Marco Perotti. Che ha un ritrovo in quella piccola frazione dove, a Natale, Pasqua e nelle feste, gioca sul panno verde con fratelli ed amici…

Subbuteo e Calcio Balilla… due divertimenti in un tavolo solo

Fascinoso, eh… nel pieno del Parco della Valserra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *