Black Rose 1998 Roma, Arrivederci a chi parte! Benvenuto a chi arriva! #PlaySubbuteo #Subbuteo

Partono per nuove avventure basculanti…

Lombardo Valerio (Palocco)
D’Amico Francesco (Palocco)
Perotti Marco (Aosta)
Calabrese Vincenzo (Taranto)
Marziani Michele (Maremma)
Chieppa Antonio (Samb)
Iobbi Adriano (Samb)

Arrivano a giocare con noi…

Colucci Gianriccardo (Sombrero)
Chieppa Riccardo
Periccioli Andrea
Perotti Simone (Samb)
Carrara Roberto (Palocco)
Leotta Giuseppe
Simonazzi Mauro

Olanda 1974 HW #PlaySubbuteo #Subbuteo

Altro lavoro del Maurone Nazionale! Per il fortunato Pier!

OLANDA MONDIALI 1974 per il nostro Pier !

L’Olanda , stavolta, in calze bianche filate in nero arancio, un souvenir di un antico mondiale, quello del 74, della nostra Italietta uscita al primo turno, di Haiti, della grande Polonia, dello Zaire colapasta, Jugoslavia e chi più ne ha più ne metta.

L’Olanda, con il suo bell’arancione, è sempre un must per i subbuteisti, dove i più fantasiosi la schierano anche come Volendam, Blackpool ed altre sciccherie.

Un lavoro che mi ha fatto rivivere certe antiche atmosfere subbuteo/calcistiche, ricordandomi anche di aver posseduto una Olanda Zombie regalatami da chissa’ chi.

MENU’ del lavoro: basi Hw classiche, inner, miniature T3 e portiere saracinesca, tutto della Top Spin Alberto Vignati.

I colori sono tutti humbrol, nero 33, arancione 82 e giallo 24 per portiere e portierino.

Una spennellata di opacizzante humbrol in boccia di vetro ha suonato la sigla finale di chiusura lavoro.

PEACE AND CHEESE TO EVERYBODY ed ALLEGREZZA SUBBUTEISTICA A TUTTI SEMPRE !

Acqui HW, ref. 10 o 156 #PlaySubbuteo #Subbuteo

Dipinta e presentata da Mauro Starone dell’OSC Mortara

ACQUI F.C. per il nostro Fabrizio Boffa (nickname Fino alla Fine) Presidente nel giovane , pimpante e di recentissima costituzione Subbuteo Club Acqui Terme in provincia di Alessandria .
Quel certo calcio di provincia o campanilistico che tanto si addice a chi colleziona squadre di Subbuteo, ci porta sempre a desiderare anche la squadra della nostra città, come per me il Mortara, per i nostri Subbuteisti Vigevanesi il Vigevano, il blasonato Novara per i nostri Novaresi, il Pavia fino a spingersi ai Club dei paesini, tutti i vari Audax, Folgore, Leoncelli etc etc etc.
In realtà si sente proprio il bisogno ludico di veder sfrecciare sui campi di subbuteo anche la squadra del posto in cui viviamo o dove siamo nati.
Fabrizio, che è un assiduo frequentatore del nostro Club mi dice: Mauro vorrei un Acqui….eccolo !
L’aspetto della squadra in se ricorda la bella e classica ref 10 Fulham, Derby County, Luton, Bradford, Swansea, Clyde, Port Vale, Rochdale, Gateshead, Austria, West Germany e come cita il catalogo Subbteo 1979 addirittura il La Spezia, Hibernians Paola (Malta) , NAC Breda, Racing White (Belgio) le due austriache Sturm Durisol e Bregenz e buttiamoci dentro anche la Pro Vercelli.
L’ ACQUI F.C. arrivò anche a giocare la serie D con un entusiasmante sesto posto; sono chiamati i Bianchi, i Termali oppure le Aquile.
Ad Acqui i miei andavano alle terme con tappa fissa in piazza alla fontana della Bollente dove il turista trovauna fontana che emette acqua calda sulfurea a 75 gradi e naturalmente a prendere il vino, il Dolcetto di Acqui con tappa finale a casa della zia Maria di Strevi.
IL MENU’ dell’Acqui F.C. : basi Hw classic ed inner della Replay, miniature Replay.
I colori:
sulla plastica bianca delle miniature ho dato una passata di bianco humbrol 34 a pennello asciutto, mentre per il nero ho adoperato il classico humbrol 33. IL portierino ed il portiere saracinesca li ho dipinti con il rosso scarlatto humbrol 60.
Ha concluso il lavoro una valida mano di opacizzante humbrol in boccia di vetro.

Una giovane Acqui!!! – foto dalla loro pagina Facebook

Fondata nel 1911 per iniziativa di tre club di ginnastica della città termale (La Bagni, Arte et Marte e Acqui Club), l’Unione Sportiva conobbe il suo periodo più fortunato proprio negli anni successivi alla fondazione: arrivò a disputare la Prima Categoria 1914-1915, l’ultima prima dello stop dei campionati, giocando con una maglia con una doppia striscia sul petto forse di colore rosso-nero. Passò i successivi decenni in I Divisione e in Serie C; nel secondo dopoguerra prese parte principalmente a tornei minori. (fonte Wikipedia)

Radiata nel 2016 e ricostituita l’anno dopo.

Prossima uscita Centauria, l’Iran #PlaySubbuteo #Subbuteo

Quello dei Mondiali di calcio del 2018. Bianco rosso e verde sono i colori della bandiera nazionale, ripresi in differenti modi nei vari kit usati dai calciatori.

L’attuale bandiera dell’Iran venne adottata il 29 luglio 1980, ed è un riflesso dei cambiamenti portati in Iran dalla Rivoluzione islamica. La forma base della bandiera è composta da tre bande orizzontali di uguali dimensioni. I colori, partendo dall’alto, sono: verde (è il colore dell’Islam e rappresenta anche la crescita), bianco (simboleggia l’onestà e la pace) e rosso (sinonimo di coraggio e il martirio). Questa configurazione è stata utilizzata fin dall’inizio del XX secolo ed era presente anche nella bandiera dell’Iran dello scià. Ad ogni modo, nel periodo degli scià, al centro della bandiera era presente l’immagine di un leone con una spada, che è un simbolo classico della Persia. Dalla rivoluzione islamica, questa immagine è stata sostituita con l’emblema rosso nel centro della bandiera, disegnato da Hamid Nadimi.
(fonte: Wikipedia)

I giocatori con la bandiera nazionale dell’Iran. La foto è dei Mondiali 2018, la maglia è quella che sarà riprodotta dalla Centauria.
La bandiera dell’Iran dal 1794 al 1979. Il leone è stato presente sulla bandiera persiana dal 1501 appunto fino al 1979
Iran 2014 versione Astrobase HW
Iran versione Subbuteo World
Iran, ref. 322 HW, foto Skell
Iran’s team (first row, L to R) Masoud Shojaei, Ashkan Dejagah, Rahman Ahmadi, Reza Ghoochannejad, Khosro Heidari, (2nd row, from L to R) Amir Hossein Sadeghi, Hashem Beikzadeh, Andranik Teymourian, Pejman Montazeri, Jalal Hossein, Javad Nekounam pose for a group picture prior to the friendly football match Iran vs Montenegro in preparation for the FIFA World Cup 2014 on May 26, 2014 in Hartberg, Austria. AFP PHOTO / SAMUEL KUBANI (Photo credit should read SAMUEL KUBANI/AFP/Getty Images)

I “Napoli” di Mauro Starone #PlaySubbuteo #Subbuteo

Ancora un lavoro del presidentissimo del club Subbuteo di Mortara! Ve lo presento con le di lui medesimo parole…

Il Napoli è sempre un bel classicone da riprodurre, però non in stile ref 5 (la ref del catalogo definita “La Perfetta” che per altro adoro) , ma bensì dipingendolo nell’azzurro “Napoli” che ben si addice alla realtà della divisa classica. Prima e seconda maglia pronte ed in cantiere la terza, quella mimetica a toni verde su verde.

Un lavoro Kentissimamente Kent con miniature T3, basi Hw replica classica ed inner tutto della Top Spin Alberto Vignati. Azzurro Napoli humbrol 89 ed opacizzante Humbrol in boccia di vetro a terminare il lavoro.

Foto di Mauro Starone

Bob Marley Subbuteo #PlaySubbuteo #Subbuteo

Sabato prossimo in edicola per la Subbuteo La Leggenda Platinum Edition la Giamaica insospettabile partecipante ai Mondiali del 1998.

La nazionale giamaicana guadagnò la simpatia di molti facendosi conoscere a Francia 1998 con il soprannome di Reggae Boyz, coniato dai giornalisti. In quell’edizione dei mondiali fu inserita in un difficile girone con Argentina, Croazia e Giappone. Battuta dai croati (3-1, con gol giamaicano di Robbie Earle) a Lens e dagli argentini (5-0) al Parco dei Principi di Parigi, riuscì a vincere una partita, sconfiggendo il Giappone a Lione per 2-1 (doppietta di Theodore Whitmore). Molti giocatori giamaicani venivano dall’Inghilterra ed erano nati in Inghilterra o avevano antenati di origine giamaicana.

Come detto, la maglia la trovo personalmente orrenda, ma tant’è.

La sagra del bianco e azzurro #PlaySubbuteo #Subbuteo

Il nostro girone di qualificazione agli Europei è, pensavo, una sorta di sagra del bianco/azzurro, con Italia, Finlandia e Grecia che condividono i colori sociali. Per il vecchio catalogo Subbuteo Finlandia e Grecia si rendevano con la ref. 18 (Preston), con cui si poteva anche rendere la seconda maglia dell’Italia (ref. 2 e poi ref. 166).

Oggi la situazione non è cambiata, tutte e tre le Nazionali però usano di frequente o un kit tutto azzurro (specie l’Italia), o tutto bianco con dettagli e bordi in blu (tutte e tre).

Perciò possono rendersi, a seconda di quanto è scuro o chiaro il blu con le ref. 42 (Chelsea) o 191 (Manchester City) e, per il completo bianco con decori blu con la ref. 135 (sempre Preston).

Vi posto un po’ di immagini sulla Grecia.

Grecia 2014
Grecia 2010
Grecia Astrobase – 1
Grecia Astrobase – 2

Svizzera 1938, alias Ref. 114 HW #PlaySubbuteo #Subbuteo

Protagonista di un ottimo Mondiale questa squadra che dovette arrendersi alla fortissima Ungheria di quei tempi.

Bel lavoro della Centauria, mi piace davvero tanto proprio perchè è semplice. Uno stile “Kent ripulito” direi…

Poi farò altre foto. Ma questa il panno lo vede di sicuro. L’edicolante mi ha detto che diversi clienti stanno in trip per la Giamaica che esce questo fine settimana… Io francamente ne facevo a meno. La prenderò solo per avere la collezione completa.

Il risultato migliore in assoluto nella storia del calcio elvetico ad un mondiale è però arrivato esattamente 75 anni fa, l’9 giugno 1938, quando nell’ambito della Coppa del mondo Jules Rimet la Svizzera riuscì ad arrivare sino allo stadio dei quarti di finale. Lo storico traguardo fece eco a quello ottenuto quattro anni prima, e fu poi eguagliato nel 1954.